Alvaro Bautista a Imola

Superbike Imola: Davies e Bautista all’inseguimento di Rea

Chaz Davies e Alvaro Bautista per la prima volta alle spalle di Jonathan Rea in questa stagione SBK. Il leader spagnolo paga la scarsa conoscenza di Imola.

10 maggio 2019 - 21:50

La stella della Ducati Alvaro Bautista arriva ad Imola con undici vittorie su undici, ma la sua inesperienza sul circuito di Imola lo rallenta nella prima giornata di prove. Il campione del mondo Jonathan Rea (Kawasaki), il compagno di squadra Chaz Davies e l’asso della BMW Tom Sykes hanno guidato più veloce del leader del Mondiale SBK.

Chaz Davies e Alvaro Bautista hanno chiuso il venerdì di Imola rispettivamente al secondo e quarto posto dopo le prime due sessioni di prove libere. Qui il pilota gallese ha trionfato già quattro volte e conferma di sentirsi a proprio agio sul circuito del Santerno. “Non mi trovavo nelle prime tre posizioni già dal venerdì da un po’ di tempo, quindi oggi abbiamo fatto un grande passo in avanti. Le cose iniziano ad andare per il verso giusto da alcune gare e Imola è l’occasione giusta per dare una svolta al mio campionato. Posso migliorare ancora e spero di riuscirci domani. Con le opportune modifiche posso puntare alla vittoria“.

Lo spagnolo si è piazzato terzo nel primo turno di prove libere, nel pomeriggio ha abbassato il suo crono ed ha chiuso la giornata al quarto posto. Resta da perfezionare l’inserimento in curva trovando qualche miglioria all’avantreno. “Questa è la prima volta che corro a Imola. Devo ancora migliorare il feeling con la moto, nel pomeriggio abbiamo apportato delle modifiche e sembra vada meglio. Dovremo perfezionare la stabilità della moto perché qui sei sempre in piega e non hai un momento di respiro“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

misano world circuit

CEV, tappa a Misano nel 2020. Albani: “Visione su giovani talenti”

fim cev repsol

CEV, il calendario 2020: Doppio round in Portogallo, entra Misano

Michael Rutter

Clamoroso: Michael Rutter ufficializzato vincitore del Macau GP 2019