Superbike Magny Cours Superpole: sensazionale Sykes, Melandri in prima fila, Biaggi 10°

6 ottobre 2012 - 11:57

Max Biaggi grande favorito per la conquista del titolo mondiale? Considerato il vantaggio in classifica, la risposta è affermativa, ma stando alle difficoltà incontrate nell’odierna Superpole sul tracciato di Magny Cours dovrà faticare (e parecchio) domani nelle due decisive gare in programma alle 12:00 e 15:30. Mentre il suo più diretto inseguitore in campionato Tom Sykes, sempre più “Mister Superpole”, viaggiava verso il nono centro stagionale nel giro a “o tutto, o niente” con il nuovo (spaziale) giro record in 1’36″950, il “Corsaro” sconsolato si incamminava sconsolato verso il box Aprilia, eccellente (e sorprendente) escluso al secondo “taglio” della SP2. Il più veloce nel primo turno SP1 in 1’37″790, il penta-Campione del Mondo non è andato oltre il 10° riferimento cronometrico nella successiva sessione che vale soltanto un posto in terza fila a seguito di un errore al primo tentativo con gomma “da tempo”, impossibilitato a migliorarsi successivamente con una morbida usata nella sessione precedente. Si prospettano due gare tutte in salita per l’iridato Superbike 2010, costretto a scattare dalle posizioni di rincalzo affiancato in terza fila da veri e propri “mastini” come Leon Camier ed i nostri Michel Fabrizio e Claudio Corti (eccezionale dodicesimo all’esordio con Kawasaki Pedercini), spalancando le porte ai propositi ambiziosi di Tom Sykes e Marco Melandri, rispettivamente a 30.5 e 38.5 punti di svantaggio in campionato, ma soprattutto 1° e 4° in Superpole con una concreta chance di recuperare il gap già al termine di Gara 1. Sarà un finale emozionante con Biaggi chiamato ad una furiosa rimonta (ed il passo sotto l’1’39” ce l’ha) e “The Grinner”, ai comandi della propria Kawasaki Ninja ZX-10R ufficiale KRT, che scatterà da una posizione privilegiata, in pole per la 9° distinta occasione in 14 round mancando quest’anno l’appuntamento soltanto a Monza, Salt Lake City, Silverstone, Mosca e Nurburgring. Già il più veloce in 1’37″494 nella SP2, nell’ultima sessione il pilota britannico ha fermato i cronometri ad oltre 5 minuti dal termine in 1’36″950, sufficiente per staccare di quasi mezzo secondo il Campione del Mondo in carica Carlos Checa autore poco prima del best-time in 1’37″422. All’ultima gara con la Ducati 1098/1198 il portacolori Althea vuole chiuder in bellezza questa trionfale avventura con la bicilindrica 1200cc (22 vittorie, il doppio rispetto a quante conseguite da Troy Bayliss seppur nella sola stagione 2008) ritrovandosi accanto in prima fila Eugene Laverty (3°) e Marco Melandri, con due coste (la decima e la dodicesima) incrinate sì, ma con tutto il potenziale per riaprire i giochi domani sul tracciato di Nevers.

Con quattro differenti case costruttrici (Kawasaki, Ducati, Aprilia, BMW) rappresentate in prima fila, in seconda figurano l’idolo di casa Sylvain Guintoli (5° alla sua ultima presenza con Ducati PATA) ed i piloti accomunati dall’Union Jack quali il nordirlandese Jonathan Rea (6°), l’inglese Leon Haslam (7°) ed il gallese Chaz Davies, completamente ripresosi dopo il brutto volo della mattinata, quanto basta per superare la SP2 a scapito di Camier, Biaggi, Fabrizio e un Corti straordinario nel condurre la Kawasaki Pedercini a ridosso della top-10 all’esordio dopo il discusso divorzio con Italtrans Racing Team nel mondiale Moto2. Non hanno uperato il primo “taglio” della SP1 invece nell’ordine due piloti di casa come Loris Baz (13° con la Kawasaki ufficiale, a Magny Cours grande protagonista lo scorso mese d’aprile al Bol d’Or) e Maxime Berger (14° all’esordio con la Ducati 1198 del team Red Devils Roma in sostituzione dell’infortunato Niccolò Canepa), così come i nostri Davide Giugliano (15° sul tracciato dove conquistò lo scorso anno il titolo nella Superstock 1000 FIM Cup) e Lorenzo Zanetti, scatterà 16° alla sua ultima presenza con Ducati PATA in Superbike prima di “scendere” tra le 600 Supersport da pilota Honda Ten Kate. Fuori dai 16 eletti alla Superpole nella mattinata Ayrton Badovini (17°), Hiroshi Aoyama (18°) ed il bi-Campione italiano Superbike Norino Brignola (21°) più due piloti “acciaccati”: Alexander Lundh e John Hopkins. Il pilota scandinavo del Team Pedercini è attualmente all’Ospedale di Nevers per accertamenti a seguito della brutta botta alla schiena rimediata nelle qualifiche della mattinata, non prenderà parte alle due gare John Hopkins, fuori gioco e dolorante al fianco sinistro infortunato lo scorso mese di maggio a Monza. Per il californiano un amaro epilogo per un travagliatissimo ritorno nel Mondiale Superbike con Crescent Suzuki. eni FIM Superbike World Championship 2012 Magny-Cours, Classifica Superpole (SP3) 01- Tom Sykes – Kawasaki Racing Team – Kawasaki ZX-10R – 1’36.950 02- Carlos Checa – Althea Racing – Ducati 1198 – + 0.472 03- Eugene Laverty – Aprilia Racing Team – Aprilia RSV4 Factory – + 0.566 04- Marco Melandri – BMW Motorrad Motorsport – BMW S1000RR – + 0.708 05- Sylvain Guintoli – PATA Racing Team – Ducati 1198 – + 0.951 06- Jonathan Rea – Honda World Superbike Team – Honda CBR 1000RR – + 1.302 07- Leon Haslam – BMW Motorrad Motorsport – BMW S1000RR – + 1.330 08- Chaz Davies – ParkinGO MTC Racing – Aprilia RSV4 Factory – + 1.475 La Griglia di Partenza 01- Tom Sykes – Kawasaki Racing Team – Kawasaki ZX-10R 02- Carlos Checa – Althea Racing – Ducati 1198 03- Eugene Laverty – Aprilia Racing Team – Aprilia RSV4 Factory 04- Marco Melandri – BMW Motorrad Motorsport – BMW S1000RR 05- Sylvain Guintoli – PATA Racing Team – Ducati 1198 06- Jonathan Rea – Honda World Superbike Team – Honda CBR 1000RR 07- Leon Haslam – BMW Motorrad Motorsport – BMW S1000RR 08- Chaz Davies – ParkinGO MTC Racing – Aprilia RSV4 Factory 09- Leon Camier – FIXI Crescent Suzuki – Suzuki GSX-R 1000 10- Max Biaggi – Aprilia Racing Team – Aprilia RSV4 Factory 11- Michel Fabrizio – BMW Motorrad Italia GoldBet – BMW S1000RR 12- Claudio Corti – Team Pedercini – Kawasaki ZX-10R 13- Loris Baz – Kawasaki Racing Team – Kawasaki ZX-10R 14- Maxime Berger – Red Devils Roma – Ducati 1198 15- Davide Giugliano – Althea Racing – Ducati 1198 16- Lorenzo Zanetti – PATA Racing Team – Ducati 1198 17- Ayrton Badovini – BMW Motorrad Italia GoldBet – BMW S1000RR 18- Hiroshi Aoyama – Honda World Superbike Team – Honda CBR 1000RR 19- John Hopkins – FIXI Crescent Suzuki – Suzuki GSX-R 1000 20- Alexander Lundh – Team Pedercini – Kawasaki ZX-10R 21- Norino Brignola – Grillini Progea Superbike Team – BMW S1000RR Alessio Piana (Twitter: @AlessioPiana130) Servizio Fotografico: Diego De Col

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Tom Sykes, BMW

Superbike: Tom Sykes “Battere la Kawasaki sarà difficile”

EICMA 2019

EICMA, quasi 800.000 persone per la ‘rivoluzionaria’ edizione 2019

Max Biaggi

Max Biaggi: “Valentino in Superbike? Perchè no…”