MotoGP: Test a Barcellona, Dovizioso il più veloce, novità per Honda, Yamaha e Ducati con Rossi 11°

Novità per Honda, Yamaha e Ducati a Barcellona

4 giugno 2012 - 14:21

Venti piloti titolari della top class (unico assente Danilo Petrucci con la Ioda TR003) più il “tester” d’eccezione di casa Paul Bird Motorsport, Shane Byrne, hanno preso parte alla giornata di test ufficiali “Post-GP” al Circuit de Catalunya di Montmelò. Sette ore di prove a disposizione inframezzate dalla consueta “pausa pranzo” dalle 13:00 alle 14:00 hanno consentito alle case impegnate in MotoGP e alla sparuta rappresentanza di “Claiming Rule Team” di mettere alla frusta diversi aggiornamenti tecnici studiate per la seconda parte della stagione 2012, da verificare anche nella giornata di test supplementari di mercoledì prossimo al Motorland Aragon di Alcaniz, “recupero” delle prove cancellate per il maltempo dello scorso mese di maggio ad Estoril. Con le nuove Bridgestone sigla “33” a disposizione (prossimamente introdotte al Gran Premio di Silverstone tra due settimane), i principali protagonisti della top class hanno completato più di 40 giri ciascuno con il best-time finale di Andrea Dovizioso in 1’41″997, velocissimo con la YZR M1 del team Tech 3 a 24 ore dall’aver conseguito il primo podio (3°) da pilota Yamaha. Il forlivese, con 42 giri all’attivo, ha provato un nuovo motore e la stessa elettronica a disposizione del team ufficiale di Iwata, riuscendo a staccare di 146 millesimi Ben Spies, 189 nei confronti di Hector Barbera, balzato al terzo posto con la Ducati Desmosedici GP12 “Sat” del Pramac Racing Team a precedere Alvaro Bautista confermatosi ad alti livelli con la Honda RC213V equipaggiata dalle sospensioni Showa del team Gresini. A braccetto in 5° e 6° posizione hanno invece concluso i due piloti ufficiali Repsol Honda Dani Pedrosa e Casey Stoner, in pista a pieno regime cercando non soltanto di trovare una soluzione al “morbo del chattering”, ma anche di scoprire come sfruttare al meglio le nuove specifiche Bridgestone. Medesimo proposito per il capo-classifica di campionato Jorge Lorenzo, 8° con 51 giri all’attivo, preceduto da Cal Crutchlow incappato in una rovinosa caduta nella primissima mattinata alla curva “Repsol” (stesso punto dov’è scivolato ieri Spies) rovinando una delle due M1 1000cc a disposizione.

Grande fermento in Ducati con Valentino Rossi che ha provato setting differenti tra loro, ma soprattutto il forcellone il alluminio accantonato “Per non far confusione” nel week-end di gara. Per il 9 volte Campione del Mondo l’undicesimo crono a 1″2 dalla vetta, preceduto dal proprio compagno di squadra Nicky Hayden, seguito da Karel Abraham a sua volta incappato in una caduta nella mattinata. Tra le “CRT”, nuovo forcellone per le due ART del team Aspar con Randy De Puniet il più veloce in 1’44″326 davanti al proprio compagno di squadra (nonchè capoclassifica della categoria) Aleix Espargaro, in casa BQR Ivan Silva si è invece alternato tra FTR-Kawasaki e Inmotec, la stessa CRT contraddistinta dal telaio in fibra di carbonio con la quale aveva già corso ad Estoril. Al Paul Bird Motorsport come detto spazio a Shane Byrne, bi-campione British Superbike (3° in campionato quest’anno su Kawasaki sempre con PBM), al ritorno “part-time” in MotoGP con tester percorrendo 30 giri, stesso numero per James Ellison. Le squadre della MotoGP (e CRT) si ritroveranno adesso mercoledì al Motorland Aragon per la seconda giornata di test in tre giorni. MotoGP World Championship 2012 Test Barcellona, Classifica Tempi 01- Andrea Dovizioso – Monster Yamaha Tech 3 – Yamaha YZR M1 – 1’41.997 (42 giri) 02- Ben Spies – Yamaha Factory Racing – Yamaha YZR M1 – + 0.146 (45 giri) 03- Hector Barbera – Pramac Racing Team – Ducati Desmosedici GP12 – + 0.189 (57 giri) 04- Alvaro Bautista – San Carlo Honda Gresini – Honda RC213V – + 0.312 (46 giri) 05- Dani Pedrosa – Repsol Honda Team – Honda RC213V – + 0.345 (53 giri) 06- Casey Stoner – Repsol Honda Team – Honda RC213V – + 0.372 (51 giri) 07- Cal Crutchlow – Monster Yamaha Tech 3 – Yamaha YZR M1 – + 0.381 (48 giri) 08- Jorge Lorenzo – Yamaha Factory Racing – Yamaha YZR M1 – + 0.638 (51 giri) 09- Stefan Bradl – LCR Honda MotoGP – Honda RC213V – + 0.772 (62 giri) 10- Nicky Hayden – Ducati Team – Ducati Desmosedici GP12 – + 0.944 (71 giri) 11- Valentino Rossi – Ducati Team – Ducati Desmosedici GP12 – + 1.255 (56 giri) 12- Karel Abraham – Cardion AB Motoracing – Ducati Desmosedici GP12 – + 1.929 (46 giri) 13- Randy De Puniet – Power Electronics Aspar – ART GP12 – + 2.329 (39 giri) 14- Aleix Espargaro – Power Electronics Aspar – ART GP12 – + 2.490 (48 giri) 15- Colin Edwards – NGM Mobile Forward Racing – Suter BMW – + 2.982 (39 giri) 16- Michele Pirro – San Carlo Honda Gresini – FTR Honda – + 3.083 (46 giri) 17- Yonny Hernandez – Avintia Racing – BQR MotoGP – + 3.704 (52 giri) 18- Ivan Silva – Avintia Racing – BQR MotoGP – + 3.844 (56 giri) 19- Mattia Pasini – Speed Master Team – ART GP12 – + 3.873 (50 giri) 20- James Ellison – Paul Bird Motorsport – ART GP12 – + 4.050 (54 giri)

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Test DTM, Andrea Dovizioso a Misano con l’Audi RS5

MotoGP, Jorge Lorenzo ‘go on’: sedile standard e nuovo ‘Aero-pack’

MotoGP, SOS Aleix Espargarò: “Aprilia mi deve aiutare”