MotoGP: le dichiarazioni dei piloti dopo le qualifiche di Misano

I commenti di tutti i 17 piloti della top class

5 settembre 2010 - 3:57

Le qualifiche della MotoGP a Misano Adriatico hanno rivisto in pole position Dani Pedrosa, in grado di battere sul giro singolo da qualifica Jorge Lorenzo. Una bella prestazione per il pilota del Repsol Honda Team che si ritroverà al suo fianco in prima fila non solo Lorenzo, ma anche Casey Stoner: da loro partiamo nel riportare le dichiarazioni dei piloti al termine delle qualifiche ufficiali di Misano, grazie al servizio media delle squadre. Dani Pedrosa (Repsol Honda Team), 1°Sono molto contento di partire di questo risultato arrivato al termine di un turno dove abbiamo girato forte. Stiamo facendo un ottimo lavoro, miglioriamo ogni volta che scendiamo in pista e domani mi aspetto una buona gara. In MotoGP non ho mai vinto due gran premi consecutivi per cui è una bella sfida. Sono soddisfatto di come sono andate le qualifiche perché siamo tutti molto vicini. Come ho detto ieri, è importante partire bene qui perché la prima curva è stretta e molto vicina allo schieramento di partenza. Sarà difficile distaccare il gruppo, ma aspetto domani per valutare la migliore strategia. Spero che nelle prime curve vada tutto liscio, dopo di che lotterò al massimo per la vittoria. Abbiamo una buona opportunità e voglio giocarmela“. Jorge Lorenzo (Fiat Yamaha Team), 2°Oggi è stata una giornata abbastanza difficile per noi, più di quanto ci aspettassimo. Non è la mia condizione fisica, mi sono completamente ripreso dal difficile fine settimana di Indianapolis, ma abbiamo sofferto molto e non ho abbastanza fiducia nella moto e nelle gomme. Abbiamo alcuni piccoli problemi in frenata, nella velocità in curva e in accelerazione, quindi non sento di poter guidare come voglio in questo momento. Siamo ancora terzi, dunque non va troppo male, ma abbiamo tempo per recuperare, se vogliamo raggiungere Pedrosa. Ho piena fiducia che la mia squadra troverà il modo giusto per migliorare e spero che saremo in una forma migliore domani“. Casey Stoner (Ducati Marlboro Team), 3°Oggi abbiamo certamente trovato delle soluzioni valide per la moto. Questa mattina siamo tornati alla vecchia forcella e abbiamo immediatamente levato un secondo al giro. Nel pomeriggio abbiamo provato qualche dettaglio di set up diverso nella prima moto, senza ricavarne particolari benefici, ma con la seconda andava molto meglio e ho fatto subito un giro veloce. Poi, mentre provavo ad abbassare ulteriormente il mio tempo, ho forzare un po’ di più in curva e ho perso l’anteriore. Comunque non sono preoccupato, dobbiamo solo migliorare il feeling davanti, in particolare nella prima moto, perché sulla seconda andava già bene nonostante la caduta. In generale la moto va meglio qui che in altri circuiti più veloci, quindi siamo abbastanza tranquilli per la gara di domani e vedremo cosa potremo fare. Le previsioni meteo sono incerte, ma in ogni caso proveremo a fare il podio“.

Valentino Rossi (Fiat Yamaha Team), 4°Sono abbastanza contento perché abbiamo fatto un buon lavoro durante le prove di oggi, specialmente verso la fine quando siamo riusciti a fare un grosso passo in avanti nell’assetto della moto e sono riuscito a fare qualche giro più veloce. Abbiamo alcune cose da provare, qualcosa di elettronica ma anche qualcosa sulle gomme, ma mi sento già sicuro e ritengo che abbiamo iniziato bene. Siamo piuttosto lontani da Pedrosa, che oggi è stato impressionante, ma siamo vicini a Dovizioso e Lorenzo. Domani cercheremo di trovare qualche decimo e migliorare un po’ il nostro tempo. La mia condizione fisica è ok, non ho troppo dolore, ma questa pista ha due o tre punti di frenata a destra dove soffro un po’ con la spalla“. Ben Spies (Monster Yamaha Tech 3), 5°Abbiamo fatto alcune modifiche alla moto prima delle prove libere che non ci hanno aiutato, così abbiamo nuovamente cambiato qualcosa prima delle qualifiche e la moto ha avuto un grande miglioramento. Tutto è andato liscio ed è stato un buon turno di qualifiche, puntavo alla seconda fila e ci sono riuscito, ma credo se non beccavo Capirossi durante il mio giro veloce potevo anche essere in prima fila, probabilmente con il 3° tempo. Sono comunque fiducioso per la gara, se facciamo qualche modifica per rendere la moto più facile possiamo ripetere i risultati delle ultime gare“. Randy De Puniet (LCR Honda MotoGP), 6°E’ grandioso tornare lì davanti con gli altri! Dopo la brutta esperienza di Indianapolis lo sapevo che qui avrei resettato tutto e ricominciato da capo perché questa pista mi piace e la gamba migliora di giorno in giorno. Stamattina abbiamo faticato un po’ con l’anteriore in entrata di curva ma siamo riusciti a ridurre il problema. Non siamo ancora al 100% ma sono felice della nostra performance. Con una buona partenza credo che riusciremo a portare a casa un buon risultato. La caduta, la frattura e la sfortuna sono solo un ricordo ora…Colin Edwards (Monster Yamaha Tech 3), 7°Mi son trovato bene per tutto il weekend come dimostrato dalla quarta posizione nelle prove libere. Ero convinto di poter puntare alla seconda fila, ma Randy De Puniet ha fatto meglio di me per un solo decimo. In ogni caso sono contento di come stanno andando le cose questo weekend, il ritmo gara è buono indipendentemente dalle temperature della pista. Penso sia comunque difficile fare 1’34″5 per tutta la gara, ma per noi la top-6 è sicuramente alla portata: dopo l’incidente dello scorso anno alla prima curva spero soltanto di passar indenne il primo giro…

Andrea Dovizioso (Repsol Honda Team), 8°Oggi abbiamo lavorato sulla distribuzione dei pesi apportando un cambiamento radicale che non ha dato i risultati sperati. No ho trovato il giusto feeling con l’anteriore, ho spinto ma non sono riuscito a migliorare il ritmo e il tempo sul giro. Adesso dobbiamo decidere la direzione da seguire: se tornare indietro oppure scegliere una soluzione ancora più radicale. Mi aspettavo un miglior risultato davanti al pubblico di casa. Lavoreremo con la squadra per fare un passo avanti nel warm up“. Marco Simoncelli (San Carlo Honda Gresini), 9°Già ieri eravamo in difficoltà e lo siamo stati anche nei primi venti minuti di oggi. Poi siamo tornati ad un assetto che conoscevamo. Da Indianapolis avevamo infatti imboccato un´altra strada per assettare la moto che però su questo circuito non funzionava. Pertanto abbiamo fatto un passo indietro e facendo alcune importanti modifiche tecniche siamo riusciti a fare un discreto tempo. A questo punto sono contento perchè fino a questa mattina eravamo messi abbastanza male ed invece adesso possiamo dire di aver rivisto la luce“. Marco Melandri (San Carlo Honda Gresini), 10°Di fatto è stato un turno positivo. Purtroppo alla fine abbiamo cercato di migliorare la forcella e l´assetto è peggiorato. Così in definitiva non sono riuscito a migliorare il mio tempo. Però il passo è abbastanza buono ed a questo punto devo riuscire domani a fare una buona partenza ed a trovare un buon ritmo. In ogni caso sono messo meglio rispetto alle ultime gare e spero domani di poter fare una discreta gara“. Loris Capirossi (Rizla Suzuki MotoGP), 11°Oggi è andata bene, ma ancora una volta la nostra posizione in griglia non è quella che ci meritiamo. Durante il mio giro veloce migliore, nell’ultimo settore sono stato rallentato da un gruppetto di tre o quattro piloti e ho perso tre o quattro decimi di secondo. Se non fosse successo, probabilmente avrei potuto guadagnarmi la seconda fila con facilità. Sono davvero ottimista per la gara di domani perché la moto qui a Misano va molto bene. Devo partire bene e fare del mio meglio perché la messa a punto è buona. Perdiamo ancora un po’ in uscita di curva e dobbiamo fare qualcosa per questo aspetto – così diventa difficile superare. Il nostro potenziale è molto di più di quanto indica la posizione in griglia e domani ce la metteremo tutta per dimostrarlo“.

Hector Barbera (Paginas Amarillas Aspar), 12°Nelle prove della mattina abbiamo fatto un grande lavoro in termini di set-up, eravamo competitivi per le qualifiche, ma purtroppo sono scivolato. Sono poi salito sulla seconda moto ma avevamo perso troppo tempo e non c’era la possibilità di fare quelle modifiche per poter esser veloce anche con la moto 2. Sono riuscito comunque a tenere un buon passo nell’arco della sessione e mi sento fiducioso per la gara. Il nostro set-up è buono, penso che siamo pronti, il nostro obiettivo sarà quello di ridurre il gap con i primi“. Hiroshi Aoyama (Interwetten Honda MotoGP), 13°La qualifiche è stata interessante. Siamo rimasti con il vecchio set-up, ma comunque abbiamo migliorato i nostri tempi sul giro, siamo andati meglio delle aspettative. C’è ancora del distacco dai primi, ma lo stiamo riducendo e questo è positivo per noi. Non so quali saranno le condizioni climatiche in gara, ma spero simili a oggi così da poter migliorare“. Nicky Hayden (Ducati Marlboro Team), 14°Le qualifiche sono state difficili sin dall’inizio. Abbiamo incontrato qualche problema che non siamo riusciti a risolvere nel corso della sessione. Stamattina avevamo guadagnato subito un secondo rispetto a ieri, riducendo di molto il gap con i primi, ed ero piuttosto fiducioso per il pomeriggio. Non è andata come mi aspettavo ma la moto vale sicuramente di più del quattordicesimo tempo e la posizione di Casey lo dimostra. Vorrei chiedere scusa alla squadra perché la moto oggi era migliore di quanto lo sia stato io. Una settimana fa era in prima fila e anche qui, in alcune sezioni, sono riuscito ad essere veloce: nel T2 ho il terzo parziale ma poi perdo moltissimo. Partire dietro non è mai positivo ma la gara è lunga e daremo il massimo“. Aleix Espargaro (Pramac Racing Team), 15°Mi sento bene e la pista continua a piacermi molto, purtroppo non sono stato in grado di sfruttare la scia di altri piloti come molti miei colleghi fanno, questo non mi ha permesso di far segnare un buon tempo. Ho comunque molta fiducia nella gara di domani dove, grazie anche alle modifiche che il mio Team apporterà sulla mia moto, punterò a recuperare fin da subito buone posizioni. Ci tengo a fare un buon risultato su questa pista che è una delle mie preferite“. Alvaro Bautista (Rizla Suzuki MotoGP), 16°Stamattina abbiamo migliorato molto la moto rispetto a ieri, il passo era buono. Nelle qualifiche all’inizio ho avuto qualche difficoltà perché ho usato la mescola dura all’anteriore e in frenata non avevo il feeling che volevo. Alla fine della sessione abbiamo montato gomma morbida e le cose sono andate molto meglio. Sfortunatamente nell’ultimo giro alcuni piloti mi hanno rallentato e non sono riuscito a migliorare il mio tempo – sono sicuro che l’avrei fatto senza quell’ostacolo. Ho un buon feeling con la moto e se domani riesco a partire bene ho un ritmo abbastanza forte da riuscire a lottare per una posizione nella top 10“. Mika Kallio (Pramac Racing Team), 17°Nonostante abbia ridotto il mio miglior tempo sul giro di quasi due secondi rispetto a ieri, non ho ottenuto una posizione migliore sulle griglia di partenza. Partire in ultima posizione non è certo il massimo per me, ma spero di riuscire a conquistare fin dalla partenza qualche posizione in modo da riuscire a rimontare posizioni su posizioni fin dai primi giri. Con il mio Team abbiamo individuato alcune modifiche da apportare alla mia moto per renderla più performante in tutti i tratti del tracciato. Proverò a dar il meglio di me domani e conquistare una posizione importante in gara“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Alessio Salucci

Tavullia osanna Valentino Rossi: Marc Marquez è l”Innominato’

Aleix Espargaro (getty images)

MotoGP, Aleix Espargarò duro su Dunlop: “L’ultimo step nel 1992”

MotoGP, Valentino Rossi

MotoGP, Valentino Rossi: “Yamaha non sa sfruttare l’elettronica”