MotoGP: le dichiarazioni dei piloti alla vigilia di Misano

I commenti dei protagonisti della classe regina

2 settembre 2010 - 8:02

Dodicesima tappa della MotoGP 2010, si corre a Misano Adriatico con Jorge Lorenzo e Dani Pedrosa attesi protagonisti e con Valentino Rossi chiamato al riscatto dopo il problematico fine settimana di Indianapolis. Da loro partiamo nel riportare le dichiarazioni dei protagonisti alla vigilia del Gran Premio di San Marino e della Riviera di Rimi, grazie al servizio media delle squadre. Jorge Lorenzo (Fiat Yamaha Team)Stiamo andando direttamente a Misano e voglio proseguire nello stesso modo e salire sul podio. Sono sempre arrivato secondo negli ultimi due anni e mi sento molto motivato e in attesa di un’altra buona gara. Spero che faccia più fresco di Indy perché lì ha fatto veramente troppo caldo. Domenica scorsa è stato il mio peggior risultato dell’ anno, ma nonostante ciò mi sento felice perché sono comunque arrivato terzo e perché ciò era importantissimo per il nostro obiettivo, che è il campionatoDani Pedrosa (Repsol Honda Team)E’ un periodo dove siamo molto competitivi. Quest’anno ho ottenuto finora 3 vittorie, più delle altre stagioni. Indianapolis è stata una gran gara, molto impegnativa fisicamente anche se non c’è tempo per recuperare visto che questo fine settimana corriamo già a Misano. In ogni caso noi siamo pronti, l’umore della squadra è buono e abbiamo dimostrato di poter esser competitivi per molte gare di fila, pertanto cercheremo di continuare così. Misano in questi ultimi anni è stato un circuito difficile per la Honda, ma questa volta cercheremo di fare il miglior lavoro possibile per render la nostra moto veloce, agile nelle varie e con una buona trazione come a Indianapolis. Il distacco da Lorenzo in campionato è ancora molto grande e lui è un pilota consistente, pertanto il nostro obiettivo per questo finale di campionato è di esser competitivi ad ogni gara e vincere il più possibile“. Valentino Rossi (Fiat Yamaha Team)A Indianapolis abbiamo fatto alcuni progressi con l’ assetto da gara, ma le condizioni mi hanno fatto rendere conto che non sono ancora al 100%. E’ difficile correre subito a Misano senza interruzioni, ma speriamo che sia po’ più fresco di Indy! Naturalmente è la mia gara di casa ed è vicino a dove vivo, dunque è sempre molto speciale corrervi, davanti a tutti i miei tifosi. A Misano ho vinto negli ultimi due anni, ma quest’anno ci arriviamo in circostanze leggermente diverse. Comunque, cercheremo di fare del nostro meglio e spero davvero di poter regalare un bello spettacolo ai tifosi!

Casey Stoner (Ducati Marlboro Team)Naturalmente Indy è stata una delusione per noi ma adesso guardiamo avanti. Sono contento di andare su una delle piste di casa della Ducati, una dove in passato siamo riusciti ad essere molto veloci. E una delle gare dove non ho corso nel 2009 ma vedremo cosa riusciremo a fare questo fine settimana. Dobbiamo concentraci di più sull’anteriore perché non vogliamo tornare indietro rispetto ai progressi fatti recentemente. Tutto il team sta lavorando duramente, come sempre i ragazzi non si risparmiano quindi speriamo di ottenere un buon risultato“. Ben Spies (Monster Yamaha Tech 3)Quello di Indianapolis è stato un gran fine settimana per noi. Essere il miglior pilota Yamaha vedendo chi sono gli altri piloti su quella moto è un motivo d’orgoglio. Sono stato felice di concludere al secondo posto, ma adesso non c’è tempo visto che si corre già a Misano. Mi piacerebbe ripetere questa prestazione, ma in ogni caso darò il massimo per regalare alla squadra un buon risultato“. Andrea Dovizioso (Repsol Honda Team)Il nostro obiettivo è chiaro: puntiamo al podio. A Indianapolis siamo stati veloci per tutto il weekend, ma non sulla distanza di gara, questo è quello che dobbiamo migliorare. C’è necessità adesso di raccogliere buoni risultati a partire da Misano. E’ un circuito corto, tortuoso e ci sono molti avvallamenti, ma dopo una gara come Indianapolis direi che siamo pronti… Mi sento fiducioso perchè Misano è una pista speciale per me, è il mio GP di casa, abito soltanto a 70 km dalla pista e qui nel 2000 ho corso la mia prima vera gara in moto tra le 125cc: ricordo ancora come sia stato incredibile. Lo scorso anno qui a Misano ho corso per la prima volta con le sospensioni Ohlins e ho concluso quarto, pertanto con quest’esperienza in più partiamo fiduciosi perchè rispetto al 2009 abbiamo migliorato molto“. Nicky Hayden (Ducati Marlboro Team)Da Indianapolis siamo partiti subito per l’Italia quindi la settimana prima della gara sembra davvero cortissima. A Misano l’anno scorso durante le prove e nel warm -up avevo davvero un ottimo passo in configurazione gara, poi la domenica sono stato coinvolto in un incidente alla prima curva dove mi sono venuti addosso. E’ sempre speciale correre in Italia con la Ducati e non ne vedo l’ora. L’anno scorso è andata come ho detto, nel 2008 non ho corso perché mi ero infortunato al piede quindi domenica dobbiamo cercare di rifarci, anche perché verranno sicuramente tanti tifosi e tante persone dalla Ducati“.

Marco Melandri (San Carlo Honda Gresini)La caduta di Indianapolis non ci voleva. Sono deluso per come stà andando la stagione, faccio fatica e non riesco a trovare il feeling con la moto e ad esprimere il mio stile di guida. Spero che l’aria di casa mi sia di aiuto. Vorrei recuperare in questi ultimi Gran Premi il tempo perduto e trovare il modo di poter guidare al meglio la RC21V. Ho voglia di riuscire ad esprimere il mio vero potenziale. Con il Team lavoreremo anche a Misano per cercare di centrare l’obiettivo”. Randy De Puniet (LCR Honda MotoGP)La gara di Indianapolis è stata davvero dura, anche più di Brno dove ero al ritorno dopo soltanto poche settimane dall’infortunio. Il layout di Indy ha reso le cose difficili per me, pertanto spero che a Misano vada un pò meglio. Abbiamo avuto soltanto pochi giorni di pausa e non ho potuto riposarmi o fare fisioterapia, per questo credo che la mia condizione fisica non sarà migliorata di parecchio. Cercherò comunque di fare tutto il possibile e ottenere dei punti importanti per la classifica, anche perchè Misano mi piace parecchio“. Marco Simoncelli (San Carlo Honda Gresini)Al termine della gara di Indianapolis ero soddisfatto ma sinceramente mi sarebbe piaciuto entrare nei primi cinque. Ci proverò a Misano! Il tracciato di Misano onestamente non mi fa impazzire ma il calore del pubblico potrebbe compensare ed essermi di grande aiuto. Sul circuito di casa non ho mai fatto grandi risultati quindi spero di sovvertire la tradizione e magari fare una buona gara. A partire da Brno abbiamo fatto un ulteriore passo avanti e spero che in questo fine settimana le cose migliorino ulteriormente. La Honda ed il Team mi sono molto vicini e questo è per me molto importante per portare avanti i miei progressi“. Aleix Espargarò (Pramac Racing Team)Ad Indianapolis gli ultimi giri sono stati difficilissimi per me, tra il caldo torrido dell’aria e quello prodotto dalla mia moto era difficilissimo andare al massimo. Peccato perché avrei potuto lottare con SImoncelli e Bautista per il settimo e ottavo posto, comunque l’importante è aver concluso al meglio la gara. Mi sento in perfetta forma ora ed è un bene per me arrivare in queste condizioni fisiche all’appuntamento di Misano che è una delle mie piste preferite. Qui ho ottenuto il mio miglior piazzamento sulla griglia di partenza, il terzo posto nel 2008 quando correvo in 250cc. Lo scorso anno è andato discretamente bene nonostante la quindicesima posizione di partenza, era il mio secondo Gran Premio e puntavo ad ottenere un buon piazzamento. L’undicesima posizione finale ha parzialmente ripagato il lavoro fatto dai miei tecnici durante tutto il weekend. L’obiettivo quest’anno è di migliorare sensibilmente la mia posizione sulla griglia di partenza e successivamente la mia posizione finale il gara“.

Hector Barbera (Paginas Amarillas Aspar)Misano è un circuito che mi piace molto”, spiega Hector Barbera. “Due anni fa ho avuto la possibilità di vincere la gara se non fossi andato fuori pista un paio di volte, ho poi concluso terzo… ma l’anno scorso ho vinto! E’ un circuito dove sono sempre andato bene e adesso credo di essere nel mio miglior momento della stagione. Sarà importante partire bene così da programmare al meglio il weekend, puntiamo a finire la gara in buona posizione“. Hiroshi Aoyama (Interwetten Honda MotoGP)Dopo soli cinque giorni da Indianapolis non mi aspetto grandi passi in avanti dall’infortunio, ma sento giorno dopo giorno che va meglio e la mia condizione sarà migliore a Misano. Lo scorso anno in 250cc ero in lotta per il podio e ho anche conquistato la pole, per cui dovrebbe essere un circuito favorevole“. Mika Kallio (Pramac Racing Team)Mi auguro tanto che la sfortuna che ha condizionato alcune mie gare di questa stagione sia finita con la caduta del Gran Premio di Indianapolis. Stavo lottando per non perdere il contatto dai piloti che mi precedevano ma non sono riuscito ad evitare la buca nell’asfalto. Peccato perché avrei potuto concludere la gara tra i primi dieci della classifica. La mia attenzione si sposta ora sul circuito di Misano che è uno dei miei tracciati preferiti. Qui ho ottenuto un buon settimo posto lo scorso anno come sostituto di Stoner. Ero partito in undicesima posizione e giro dopo giro sono riuscito a superare i miei diretti avversari fino ad ottenere la settima posizione che è stato per me il miglior risultato del mio primo anno in MotoGP. Con un po’ di fortuna in più punto quest’anno a migliorare la posizione dello scorso anno“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Franco Morbidelli MotoGP 2020

Franco Morbidelli: “Battere Valentino Rossi non dà un gusto particolare”

MotoGP, Andrea Dovizioso

MotoGP, ufficiale: Andrea Dovizioso dice addio a Ducati

MotoGP, Alberto Puig

MotoGP, Ducati-Dovizioso verso l’addio. Puig chiude le porte a Yamaha