Pedane arretrate fisse e regolabili: a cosa servono e vantaggi

Pedane arretrate fisse e regolabili. A cosa servono, consigli utili per i motociclisti che amano scendere in pista senza problemi last minute.

28 marzo 2019 - 7:00

A cosa servono le pedane arretrate? Sono un prodotto fondamentale per tutti coloro che vogliono personalizzare la propria posizione in sella. Possono essere necessarie sia per motivi di altezza del pilota che per motivi di confort di guida e sportività.

Sono un accessorio assolutamente indispensabile per tutti i fruitori della pista. Permettono angoli di inclinazione maggiori durante le curve rispetto alle pedane originali che porrebbero il limite della piega. Inoltre vanno ad aggiungere grip tra stivale e pedalina evitando cosi di perdere la perfetta posizione del piede in fase di impostazione di curva. Ci sono 2 differenti modelli  di pedane arretrate: fisse e regolabili.

Le pedane fisse

Quelle fisse alzano ed arretrano la posizione del piede, sono più leggere e resistenti rispetto alle originali essendo prodotte in ergal ricavato dal pieno. Ma non possono modificare la posizione della pedana una volta fissate sul telaio. E’ un prodotto consigliato a chi vuole un impostazione di guida più’ racing mantenendo un costo contenuto. Scelta adottata inoltre da quasi tutti i piloti professionisti, una volta stabilita la propria posizione di guida con l’ausilio di un test svolto su quelle regolabili.

Le pedane regolabili

Quelle regolabili invece offrono un minimo di 4 differenti posizioni di montaggio e possono arrivare fino ad un massimo di 6. Questo semplicemente modificando i fori di avvitamento tra la piastra fissa che si va a fissare sul telaio e la pedana.  Le pedane sono completamente ricavate dal pieno, quelle di buona qualità solitamente  in alluminio tipo 6082, un materiale di altissima qualità che permette cosi di avere un prodotto leggero e molto robusto. I leveraggi sono montati nella versione presa da noi in esame su 2 cuscinetti che garantiscono fluidità di movimento e assenza di giochi coassiali. i poggiapiedi di diametro e lunghezza adeguata assicurano un appoggio fermo e stabile anche grazie alla zigrinatura superficiale con ottimo grip. Le estremità sono fisse e arrotondate cosi da non essere pericolose anche  in caso di sfortunata caduta.

Caratteristiche comuni

Un’altra peculiarità delle pedane arretrate è la possibilità di montare il cambio rovesciato sulla maggior parte dei modelli, un opzione adottata ormai da anni da molti piloti. La presenza del  battitacco aggiunge poi sicurezza alla pedana che in caso di caduta non permette al piede di andare verso la ruota posteriore.

Punto a favore delle pedane sia fisse che regolabili è quello di essere composte da singoli pezzi sostituibili. Nello sfortunato caso di rottura di una parte della pedana si potrà semplicemente sostituire il pezzo rotto, permettendo cosi di risparmiare rispetto alla sostituzione di tutta la pedana.

Tutte le pedane vendute presenti sul mercato sono plug&play e comprendono tutto il necessario per il montaggio senza dover effettuare lavori extra, anche se particolare attenzione va posta alle coppie di serraggio delle viti ed al corretto posizionamento del rinvio del cambio che deve lavorare sempre in direzione lineare. Per chi vuole poi aggiungere un look più accattivante molti modelli in vendita sono disponibili in diverse colorazioni, cosi da adattarsi al meglio a tutte le colorazione di modelli di moto .

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Dunlop

Motocross: Dunlop lancia il nuovo Geomax MX53

Toprak, Emergency

Superbike: Rush finale per l’asta di EMERGENCY

MES Motoestate 2019

Motoestate, finale col botto: i nomi dei campioni 2019