European Yamaha R3 blU crU cup

Europeo Yamaha R3: serie low cost per campioni di domani

Europeo Yamaha R3: finalmente si può cominciare a correre all'estero senza spendere cifre folli. Non servono moto, meccanici e team: solo il talento

18 febbraio 2019 - 6:50

Europeo Yamaha R3, finalmente ecco un campionato d’accesso che si può correre senza svenarsi. Vi lamentate che il motociclismo è diventata roba per piloti con la valigia e chi merita è costretto a fermarsi? E’ vero, ma in Yamaha hanno trovato la soluzione. Lanciano un campionato europeo destinato ai piloti da 13 anni in su, che rappresenterà la tappa ideale di passaggio fra minimoto o le formule addestrative e il motociclismo vero, cioè il Mondiale. Costa poco, meno della metà di quanto serve per partecipare ad una serie nazionale d’accesso. Non servono neanche la moto, né i meccanici, né un team. Quello che ci vuole lo mette Yamaha, basta solo il pilota. Finalmente una sfida ad armi pari: vincerà chi è campione vero.

Che idea!

A lanciare questo nuovo modo di correre è Gianluca Montiron, personaggio che ha portato alla ribalta fiori di campioni e vinto GP e titoli Mondiali. La serie del futuro si chiama Yamaha R3 bLU cRU European Cup e, come dice il nome, è destinato a diventare uno dei tasselli del progetto formativo della filiale europea della marca del Diapason. Funzionerà così: il pilota si iscrive, prende l’areo (low cost…)  e si presenta in circuito. Dove troverà ad attenderlo moto, meccanici e tutto quello che serve per scendere in pista. Ci saranno due categorie: 13-19 anni, e da 20 in su, perchè anche chi è più adulto ha diritto ad avere le sue occasioni, se non altro divertirsi un mondo.

Si corre su piste da Mondiale

In calendario (tutte le date e i circuiti qui) ci sono sette circuiti: si comincia il 21 aprile a Most, nella Repubblica Ceca, gran finale il 18 agosto al PannoniaRing, in Ungheria. Il campionato toccherà anche circuiti da Mondiale come Jerez e Portimao, in Italia farà tappa a Varano il 7 luglio. Altra novità: prove e gare sono concentrate nella giornata di domenica e i piloti staranno in pista per ben 120 minuti, quanto nel mondiale. L’evento sarà una kermesse che proporrà al pubblico giri in pista, demo ride degli ultimi modelli Yamaha e tanto altro.

Quanto costa?

L’iscrizione (qui tutte le modalità) all’intero campionato costa 22 mila €, tutto compreso: come detto non serve niente, solo arrivare in circuito. La wild card per un singolo round costa 2500 €. La spesa è compensata dal monte premi: i migliori 25 piloti (su un massimo di 50 iscritti) potrà portarsi a casa una delle Yamaha R3 kit 2019 impiegate durante la stagione. I primi tre classificati guadagneranno l’accesso alla Masterclass di Yamaha, selezione che assegnerà il passaporto per  l’accesso al Mondiale Supersport 300, in una formazione di riferimento Yamaha. (qui per chiedere info)

Low cost

Il confronto fra questa formula promozionale e le altre, a livello costo, è impietoso. Per affrontare una stagione nel CIV (sei round, 12 gare) nelle categorie 300 o preMoto3 servono 40-45 mila €. Correre il Mondiale (otto round) è un salasso: con meno di 70 mila € è difficile trovare la squadra. Ma la European Cup è meno cara di tante serie nazionali promosse dalla stessa Yamaha: la R3 Cup in Svizzera (sei round) costa 23 mila € e si corre con la versione 2018.

Partnership

Oltre a Yamaha Europa, anche la FIM Europe ha dato il proprio appoggio alla European Cup. Gli abbinamenti tecnici commerciali sono prestigiosi: Dunlop fornirà le gomme (in regime di fornitore unico), nella sponsorship si sono, fra gli altri, marchi prestigiosi come JVC, Kenwood, Kyocera e Tinazzi Experience. Oltre a D.D.A nuovo fashion brand di alta moda di Monte Carlo che lancerà una linea sportiva personalizzata per l’European Cup. L’ufficialità è arriva pochi giorni fa, a febbraio inoltrato. Ma le iscrizioni stanno già arrivando, anche da realtà extraeuropee come Indonesia e Nuova Zelanda.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Scott Redding, Aruba.it Racing Ducati

Superbike: Scott Redding-Ducati, adesso c’è anche la firma

Honda HRC

Superbike 2020: Honda HRC, ma siamo sicuri che ci sarà?

Superbike 2021, novità

Superbike 2021: Arriverà una nuova categoria di lancio?