Superbike, Michael Rinaldi

Vi spiego perchè la Superbike è ancora bellissima, ma…

La Superbike 2021 è uno show fantastico: belle gare, nuovi protagonisti, classifica cortissima e incerta. Eppure manca qualcosa: i piloti di oggi sono troppo lontani dal loro pubblico

17 giugno 2021 - 12:08

Nella Superbike di oggi ci sono il fuoriclasse vincitutto, la solita Ducati a caccia di gloria e il funambolo in rampa di lancio. Ciliegina sulla torta, il ragazzo italiano che ha appena dominato la gara di casa e promette di diventare, in pianta stabile, testimonial nazionale del mondiale. Misano, terzo atto di questa stagione che ancora non sappiamo quante tappe avrà, ha rimescolato le carte: Jonathan Rea non sembra più inattaccabile, Toprak Razgatlioglu e la Yamaha sono una concreta minaccia e anche la Ducati cresce, soprattutto con la faccia furba di Michael Rinaldi. Cinque protagonisti (e tre Marche differenti) racchiusi in 67 punti. Pochissimi, considerando che ogni round ne mette in palio 62. Raramente, in 33 anni di Superbike, ricordo stagioni così equilibrate. Dopo sei titoli iridati e 103 vittorie Jonathan Rea ha impresso nella testa della gente il concetto “vince sempre lui“, ma ha già capito che questa settima corona se la dovrà sudare, eccome.

Un bello show 

Misano,  è stata una bella festa di sport. L’aggressività di Rinaldi e Toprak, giovani e affamati, ha messo nei pasticci Jonathan Rea, che qui ne aveva già vinte otto, ma stavolta è stato costretto al gradino meno nobile del podio. A dispetto dei quattro trionfi in nove gare e della consistenza di piazzamento (mai peggio di terzo) il Cannibale li ha ancora tutti alle calcagna. Il più temibile, anche in prospettiva sembra proprio il turco, che per anni è stato suo pupillo. Rea comincia a chiedersi se sarebbe stato meglio farlo arrivare in Kawasaki: Toprak avrebbe avuto la stessa dotazione tecnica, ma in qualche modo lo avrebbe tenuto sotto controllo. Adesso che è il pilota di punta Yamaha, una delle squadre più solide del paddock, Razgatlioglu è una minaccia ancora più concreta. Ma anche la Ducati spinge. Scott Redding a Misano non è stato lui, ha preso paga dagli avversari diretti: Rea, Toprak e soprattutto dal compagno Rinaldi. Ma è scontato che a Donington, dove nel 2008 vinse il primo GP in 125 alla tenera età di quindici anni, “Scottone” tornerà a sfoderare gli artigli. “Rinaldi va forte solo a Misano” scrivono i competenti da  social. Non  andrà così: Michael è il pilota più capace di sfruttare il potenziale della gomma morbidissima SCX. Se avrà la fortuna di trovare asfalto molto caldi,  può allungare la striscia di vittorie.

Ma allora cosa manca?

Per contenuti tecnici, spettacolarità e organizzazione la Superbike 2021 non ha proprio niente da invidiare a quella dell’epoca d’oro. Quello che manca è il “racconto”, cioè il pathos che eleva qualunque sport da argomento tecnico ad agonistico alla dimensione di “una storia”. Non è vero assolutamente che oggi manchino “personaggi”. Fogarty, Corser e Bayliss sono diventati leggenda perchè la Superbike della loro epoca (promoter, media, tv) li ha proposti al pubblico in una certa maniera.  Enfatizzando non solo trionfi e imprese in pista, ma anche il carattere e l’anima. Rea ha  vinto il doppio di Foggy (per non parlare degli altri) ed è un campione superlativo. La sua biografia è stata pubblicata da HarperCollins, uno dei giganti dell’editoria mondiale, ed è stato un bestseller nel Regno Unito e anche in Italia: da mesi è uno dei libri di sport e di moto più venduti su Amazon. La BBC per anni lo ha inserito fra gli sportivi più famosi, qualche volta anche più di Lewis Hamilton, re della F1. Com’è possibile che la percezione di chi la Superbike la vive più da vicino, cioè gli appassionati duri e puri, sia che  “Rea non è un personaggio”?

I piloti oggi sono lontani dal pubblico

Il peccato originale della Superbike di oggi è avere lo stesso gestore della MotoGP. Per 25 anni la serie alternativa ha prosperato proponendosi come “alternativa“. Ricordate qual era il ritornello? “La 500 non è divertente, ci corrono le fighette, invece Superbike è per piloti veri che si scontrano in pista e poi risolvono le questioni con la birra in mano”. Ovviamente era una “costruzione“, non la realtà. Però funzionava, alla grandissima. E’ ovvio che Dorna non può usare lo stesso linguaggio. Gli spagnoli, per necessità sinergica, dal 2013 hanno trasformato la Superbike in una piccola MotoGP. Organizzazione, paddock, copertura tv sono assai meglio di sempre. Però procedure che in top class funzionano, di qua stridono. Volete un esempio? La gestione dei piloti. Prima in Superbike quasi nessun team, neanche i super ufficiali, aveva l’addetto stampa. I piloti erano liberissimi e parlavano di tutto con tutti. Con Fogarty, Corser e Bayliss i media dell’epoca d’oro ci passavano giornate intere..Si creavano relazioni, ci si conosceva: era più facile tirare fuori l’anima di ragazzi che frequentavi  anche fuori dai box e dal paddock.

Modelli che non funzionano

Adesso i piloti sono blindati: parlano cinque minuti dopo la corsa, ovviamente solo di cose tecniche, e poi non li vedi di più, o quasi. Come in MotoGP e F1,  devono rispondere per contratto di ogni virgola che proferiscono coi media. Chiaro che non si sbottona più nessuno. Prima i piloti, raccontati da dentro, arrivavano diretti al pubblico. Adesso, con la comunicazione “orizzontale“, i piloti hanno i loro canali social e hanno l’impressione (sbagliata) di arrivare direttamente alle gente. Invece non succede. Semplice: Rinaldi e Redding non scriveranno mai sui loro account quello che raccontavano Fogarty e Bayliss di sera, al pub, con la birra in mano.

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” Bestseller su Amazon Libri

Foto: WorldSBK.com

7 commenti

marcogurrier_911
21:54, 17 giugno 2021

Aggiungo che il post gara sky gp e di una noia mortale, parlano per venti minuti della stessa cosa, relegando moto3 e moto2 negli ultimi scarsi dieci.
Quando invece un post gara sbk, fatto come si deve, e parlando di Case che investono anche gran soldi (come non parlare con vivo interesse di bmw, sykes-vdm, e del “caso” bautista-Honda? Boh.) i temi ci sono a iosa , al contrario della tuta di quartararo

marcogurrier_911
14:38, 17 giugno 2021

Certo che è un problema di posizionamento; dorna ha troppo , dal punto di vista comunicativo e di conseguenza per attrarre, una differenza deve esserci. Non ci sono riusciti, tra moto2 gp e sbk, viene obiettivamente difficile.
O si congiunge moto2 ed sbk, coi piloti migliori ed una procedura precisa per accedere alla classe gp
O come sostengo da anni, perché adoro follemente la categoria, L sbk deve differenziarsi portandosi verso le gare di durata
Ti prego Viegas accontentami.

Anonimus
13:19, 17 giugno 2021

Se solo su Sky raccontassero la SBK nello stesso modo in cui raccontano la MotoGP ogni weekend invece di limitarsi a mandare soltanto 1 dei loro inviati nelle sole gare italiane tra l’altro… sarebbe tutta un’altra cosa.

    FRA 1988
    13:46, 17 giugno 2021

    Io non ho Sky ma mi risulta che non fanno alcun tipo di approfondimento in merito alla categoria.

      Anonimus
      17:16, 17 giugno 2021

      Esattamente! Il post gara praticamente non esiste, mentre nel motomondiale asfissiano i piloti (di qualsiasi categoria) sempre con le stesse identiche domande del weekend prima ma almeno avvicinano lo spettatore dandogli più empatia con i piloti e non solo loro. Senza contare le varie analisi tecniche che vengono fatte con interventi di vari opinionisti che saranno almeno 7-8 diversi mentre per la SBK non ne sprecano manco mezzo…

FRA 1988
13:05, 17 giugno 2021

Non c’è da stupirsi con la gestione Dorna il campionato verrà sembra visto di serie B al cospetto della Motogp.
Non sono i piloti a mancare ma la pubblicità che dia
abbastanza visibilità al prodotto. 20 anni fa piloti
come Bayliss e Edwards venivano osannati e avevano
il giusto onore come campione. Mente oggi Rea viene
quasi sottostimato ,perchè non ha vinto nulla nel motomondiale.

Originals
12:47, 17 giugno 2021

Sono stato parecchie volte nell Regno Unito a guardare il BSB, mamma mia che spettacolo, il miglior campionato all mondo tecnicamente e sportivamente parlando. Perche non si copia la ricetta? Chi vuole seppellire questo mondiale? E perche? Domande senza risposta…

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike, Alex Lowes

Superbike: Alex Lowes a terra, la faccia in ombra del pianeta Kawasaki

Supersport Assen

Supersport, Gara 1 Assen: Aegerter pianifica la fuga mondiale, Odendaal 2°

Superbike, Jonathan Rea

Superbike Assen, gara 1: Jonathan Rea fa tredici e torna in vetta