Superbike: Chaz Davies piace alla Yamaha

Comincia a movimentarsi il mercato 2019 anche sul fronte delle derivate dalla serie

16 aprile 2018 - 16:25

Chaz Davies è in scadenza di contratto con la Ducati ed è ovviamente al centro dell’interesse di chi in Superbike non vince e vorrebbe cominciare a farlo. Parliamo della Yamaha che investe nelle derivate dalla serie una cifra cospicua (sei milioni, comprese le categorie di supporto) ma finora è rimasta ai margini del solito confronto Kawasaki contro Ducati. Con tutti i big in scadenza (anche Rea, Melandri e Sykes…) il mercato 2019  comincerà a movimentarsi presto.

GALLESE D’ACCIAIO – Chaz vanta 29 successi in Superbike e negli ultimi anni è stato l’unico pensiero per Jonathan Rea. Logico che sia il pilota dei desideri. Andrea Dosoli, direttore delle operazioni Yamaha Superbike, finge di non saperne niente. “E’ venuto a chiedermi se stessimo parlando con Davies il manager di Marco Melandri (Albergo Vergani, ndr) ho sentito anch’io girare la voce nel paddock ma non ci siamo ancora mossi”. Che Yamaha non sia proprio soddisfatta degli attuali piloti, Michael van der Mark e Alex Lowes, è un’altra chiacchera che gira da tempo nell’ambiente. Dosoli ovviamente resta sul vago: “Posso solo dire che la nostra YZF-R1 adesso è al top dello sviluppo, pensiamo di avere il potenziale per vincere“. Il messaggio è chiaro: manca un top rider che dia più garanzie dei due attuali titolari, ancora a quota zero successi in Superbike.

DUCATI  – Anche sul fronte Ducati cadono dalle nuvole. “Non abbiamo ancora le idee chiare sul prossimo anno, certo bisognerà mettersi presto intorno ad un tavolo per chiarire le situazioni” è convinto Stefano Cecconi, CEO della internet company Aruba e capo della squadra che fa correre le Ducati ufficiali. Passando in Yamaha Chaz Davies rinuncerebbe alla possibilità di guidare la Ducati V4 ma troverebbe una quattro cilindri già pronta per puntare al Mondiale. Quello di Assen sarà un fine settimana interessante, non solo in pista…

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Aprilia, la vera festa sarebbe tornare in Superbike

Superbike: L’equilibro è per legge, ma adesso non c’è

Alex Lowes a gamba tesa: “Yamaha, non ascoltare Melandri”