Melandri-MV Agusta è già a rischio prima di cominciare

18 novembre 2015 - 12:12

Marco Melandri ha una voglia matta di riprovarci ma rischia di restare a casa.  Sfumato (per adesso…) il possibile approdo in Ducati, settimana prossima sarà a Jerez per capire a che livello è la MV Agusta Superbike, cioè se la F4 può essere un'opzione  per rientrare nel Mondiale ad alto livello. Ma l'atteso debutto dell'ex iridato sulla quattro cilindri varesina ha rischiato seriamente di saltare. Ecco com'è andata.

ALLARME – A metà pomeriggio di martedi 17 novembre Marco ha alzato il telefono per lanciare il suo grido dall'allarme. “A metà ottobre ero stato a Schiranna e ci eravamo accordati sui particolari. Avevo chiesto di poter fare una prima uscita a porte chiuse e poi continuare il lavoro a Jerez insieme agli altri team (ci saranno Kawasaki, Ducati, Yamaha e Honda, ndr). Ma ad oggi nessuno mi ha saputo dire le date esatte dei collaudi, non conosco  neanche il nome di chi lavorerà con me. Addirittura volevo portare la borsa col mio abbigliamento per caricarla sul camion in partenza per la Spagna ma non so chi contattare. Ho dato le misure di manubri, pedane e sella ma non mi hanno risposto. Immagino che mi vogliano far girare con la moto di Camier, così com'è. Ma io dove vado con quella? Sono cinque mesi che non tocco una moto, in queste condizioni andrei in Spagna solo per prendermi un'altra secchiata di merda. E dopo quando quello che ho passato non ne ho bisogno. Meglio se resto a casa a farmi le garette di cross della parrocchia, almeno mi diverto.”

TEST SALVO –  E' stato Giovanni Cuzari, proprietario del team Forward, a mettersi direttamente in contatto col pilota per chiarire la situazione e salvare almeno il test. “Cuzari si è scusato, era disperato per la situazione. Parto subito per Schiranna, andrò a sistemare la posizione di guida. Ho deciso che il test di Jerez lo faccio, poi vediamo come va.” L'intervento è stato fondamentale, Cuzari viene dalla MotoGP e sa quanto i piloti (Melandri in particolare…) abbiano bisogno di attenzioni. Marco si è sentito al margini ed è sbottato ancor prima di salire in moto. Magari in MV Agusta avranno avuto tantissime altre cose da fare, specie adesso che c'è da sviluppare la versione 2016 e completare il passaggio di consegne tra il team interno che ha seguito Camier e la struttura ex MotoGP che si occuperà della gestione dell'intero programma sportivo, Supersport inclusa. Melandri però deve sentirsi al centro del progetto, altrimenti sarà tempo sprecato per tutti, pilota, squadra e azienda.

MA LA DORNA? – La Superbike ha assoluto bisogno di top rider come Melandri e il binomio con la MV Agusta avrebbe gran fascino. Sarebbe importatissimo che tutto filasse liscio e invece, come al solito, la Dorna latita. Melandri fa sempre parlare di sè, è una presenza  irrinunciabile per media e tv. Strano che il promoter spagnolo non abbia fatto carte false per trovargli una moto vincente, a maggior ragione adesso che Marco si è detto disposto a gareggiare senza ingaggio, ma solo con una (consistente) tabella premi. Melandri nel 2014 ha vinto sei gare con l'Aprilia, e ha così tanta  voglia tale che ha colto al volo l'opzione MV pur consapevole che nel 2015 la F4 non è andata oltre il 13° posto nel Mondiale con miglior risultato un quinto posto con Camier che non è proprio l'ultimo arrivato. A 33 anni Marco può permettersi  di stare un anno a giocare con l'aereo privato e le macchine da corsa. La Superbike invece partirebbe con un buco enorme sulla griglia. Dorna, se ci sei batti un colpo…

Seguitemi su Twitter: https://twitter.com/PaoloGozzi1

Pagina ufficiale Facebook:   https://www.facebook.com/insidesuperbike

10 commenti

AlfonsoGaluba
8:11, 19 novembre 2015

Io fossi MV non sarei così felice di ciò che ha detto Melandri. Lui dice che và a provare per vedere se la moto è competitiva? Dovrebbe essere MV a voler verificare se Melandri è ancora un pilota di motociclismo. Ma un bagno di umiltà questo Melandri mai? Perchè non và a correre nel CIV, vediamo cosa sa fare e poi forse torna nel mondiale.

AlfonsoGaluba
8:11, 19 novembre 2015

Io fossi MV non sarei così felice di ciò che ha detto Melandri. Lui dice che và a provare per vedere se la moto è competitiva? Dovrebbe essere MV a voler verificare se Melandri è ancora un pilota di motociclismo. Ma un bagno di umiltà questo Melandri mai? Perchè non và a correre nel CIV, vediamo cosa sa fare e poi forse torna nel mondiale.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Marco Melandri, adesso hanno paura di lui?

Toprak Razgatlioglu: ecco dove e con chi correrà nel 2020

Alvaro Bautista, il mercato 2020 e l’autogol Ducati