Valentino Rossi al Ranch di Tavullia

Valentino Rossi e gli allievi dell’Academy all’assalto del 2020

Valentino Rossi e gli allievi della Vr46 Academy sono tornati al lavoro dopo la pausa invernale. Gli obiettivi dei "Fantastici 8" per il 2020.

15 gennaio 2020 - 13:56

Valentino Rossi e gli allievi della VR46 Academy sono tornati al lavoro al Ranch lo scorso week-end. I “Fantastici 8” alle prese con una stagione alle spalle segnata da alti e bassi e una che sta per aprirsi con buoni propositi. Il Dottore si è concesso tre settimane di relax fra Messico e Trentino, in compagnia della sua dolce metà Francesca Novello e degli amici più intimi. Sarà una preseason decisiva per il nove volte iridato che sta lasciando tutti col fiato sospeso circa il rinnovo o il ritiro dalla MotoGP. L’obiettivo è risolvere subito i problemi con il posteriore della M1 per rimettersi al passo con gli altri piloti Yamaha. A cominciare da Vinales e Quartararo che nel 2019 hanno viaggiato con una marcia in più. Quello di Sepang sarà un primo test decisivo per compiere un ulteriore step, personale prima, di sviluppo tecnico poi.

Al lavoro anche i due colleghi della top class, Franco Morbidelli e Pecco Bagnaia. L’italo-brasiliano è chiamato ad un avvicinamento al podio più costante, sulla scia di quanto fatto dal compagno di box Quartararo. In ballo c’è un rinnovo di contratto che apparentemente sembra scontato, ma mai dire mai nel paddock della MotoGP. “Ci piace iniziare il 2020 ruota a ruota”, ha commentato il pilota del team Petronas.

Per Francesco Bagnaia, invece, bisogna ripartire dal 4° posto a Phillip Island e archiviare la prima metà del Mondiale 2019, costellato da ben cinque ritiri. L’ex campione di Moto2 ha riportato una frattura nell’ultimo round di Valencia, costringendolo a saltare i test MotoGP di novembre. Da quest’anno godrà di una Ducati ufficiale, dal canto suo dovrà migliorare il feeling con l’anteriore e in frenata, senza esaltarsi per i tempi sul giro racimolati nei test.

GLI ALLIEVI DELLA MOTO3

Nuova avventura per Andrea Migno con lo Sky Racing Team VR46. Il 24enne di Cattolica ritorna nel team di Valentino Rossi dopo due stagioni Moto3 non particolarmente brillanti. Ha chiuso la stagione 2019 con un podio, ma per il tanto atteso in Moto2 serve trovare più costanza di rendimento (leggi QUI l’intervista). Al suo fianco il promettente Celestino Vietti (assente al Ranch), reduce da una prima stagione nel Motomondiale straordinaria. Tre podi, prima pole in carriera, 6° posto iridato e titolo di ‘Rookie of the Year’ con ampio margine. “Devo imparare a gestire meglio le fasi concitate di gara tipiche di una categoria come la Moto3. Soprattutto i sorpassi millimetrici, il corpo a corpo“.

In attesa del salto in Moto2 anche Niccolò Antonelli, dopo una stagione 2019 altalenante, ma pur sempre contrassegnata da una vittoria. Alla terza stagione con il Team Sic58, si attende più incisività e costanza di risultati dal 23enne romagnolo. Sarà un anno decisivo per il futuro anche per Stefano Manzi, che dovrà compiere un deciso passo in avanti dopo l’opaca prestazione dell’anno scorso con il team MV Agusta Forward Racing.

L’ACADEMY VR46 IN MOTO2

In Moto2 occhi puntati su Marco Bezzecchi e Luca Marini. Le maggiori aspettative sono puntate sul fratello di Valentino Rossi: due vittorie e due podi l’anno scorso, manca il salto di qualità che gli permetterebbe di accedere nell’olimpo dei grandi. Su di lui le principali speranze di rivedere lo Sky Racing Team in lotta per il titolo iridato dopo l’impresa di Pecco nel 2018. Dopo un formidabile 2018, Marco Bezzecchi deve archiviare la stagione 2019. 10° posto come miglior risultato, ma ora è chiamato al riscatto in sella alla Kalex del team di Valentino Rossi. Buono il primo impatto nei test di novembre: “Mi sono trovato subito bene. Diciamo che, a primo impatto, questa moto sembra più ‘amichevole’. Nel senso che richiede uno stile di guida più dolce rispetto alla KTM. Sembra più facile adattarsi e anche la risposta della moto alle modifiche è immediata“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Andrea Dovizioso

Andrea Dovizioso-Ducati, nervi tesi: “Siamo in un momento critico”

MotoGP, Johann Zarco

MotoGP, Johann Zarco: “Ho chiesto scusa ad Avintia e Ruben Xaus”

MotoGP, Fabio Quartararo

MotoGP, Fabio Quartararo: “Sono esattamente dove voglio essere”