Un monumento per Luis Salom sul circuito del Montmeló

Sul circuito del Montmeló è stato collocato un monumento per ricordare Luis Salom, sfortunato pilota scomparso su questa pista ormai tre anni fa.

13 giugno 2019 - 15:25

In questi giorni troviamo sul Circuit de Barcelona-Catalunya un monumento particolarmente significativo. Si tratta di un omaggio al pilota Luis Salom, vittima di un fatale incidente proprio su questo tracciato il 3 giugno 2016. Lo si trova in una delle zone riservate al pubblico, dietro la curva 13, in corrispondenza del murale su cui i tifosi possono apporre la loro dedica allo sfortunato ‘Mexicano’, che ha lasciato un segno nel cuore degli appassionati delle due ruote.

Luis Salom, classe 1991, originario di Palma di Maiorca, aveva esordito nella categoria minore del Motomondiale con due wild card nel 2009 dopo essersi distinto nei campionati spagnoli ed in Red Bull Rookies Cup. In quell’anno però diventa titolare a partire da Assen in sostituzione di un altro pilota. Completa altre quattro stagioni tra 125cc e Moto3, conquistando il vice-campionato nel 2012 con la KALEX KTM di RW Racing GP. Nel 2014 approda nella categoria Moto2 con Pons HP40, conquistando due podi in Argentina ed al Mugello.

Rimane un’altra stagione nello stesso team, passando poi a SAG Racing nel 2016, il suo ultimo anno mondiale. Nel corso delle prove libere del GP di Catalunya è protagonista di una sfortunata caduta: nella carambola viene colpito dalla sua stessa moto, rimbalzata contro le barriere. Trasferito immediatamente all’ospedale di Barcellona, muore poco dopo per le gravi lesioni riportate. Il monumento è solo l’ultimo di tanti omaggi per il pilota maiorchino, dal perenne sorriso e dalla grande grinta in pista, stimato e benvoluto da tutti quelli che l’hanno conosciuto.

Foto: Circuit de Barcelona-Catalunya

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Fabio Quartararo

MotoGP, Fabio Quartararo: “Ho dimostrato di meritare la Yamaha”

MotoGP furti Sepang

MotoGP, furti a Sepang: recuperata la refurtiva

Valentino Rossi

Valentino Rossi: “2020 anno cruciale: se non miglioriamo addio MotoGP”