Paolo Simoncelli: “Suzuki rimane con noi, Antonelli pensa alla Moto2…”

Paolo Simoncelli traccia un resoconto della tappa in Austria. Bacchetta i suoi piloti Moto3 e MotoE, ma parla anche della squadra della prossima stagione.

14 agosto 2019 - 16:59

Un altro Gran Premio si è concluso e Paolo Simoncelli ne valuta l’andamento, sia in Moto3 che in MotoE. Il boss di SIC58 Squadra Corse ha anche parlato di mercato piloti: Tatsuki Suzuki infatti rimarrà in squadra anche nel 2020. Più incerto il futuro di Niccolò Antonelli, che considera l’eventualità di passare in Moto2. Non nasconde anche la sua contrarietà per un formato di qualifiche che, secondo lui, non risolve i problemi della categoria.

Come detto, uno dei passaggi più importanti riguarda la squadra del futuro. “Domenica abbiamo finalmente avuto la splendida notizia che Tatsuki rimarrà con noi per un’altra stagione. Nessuno di noi era pronto per vederlo partire.” Paolo Simoncelli quindi potrà contare ancora sul ‘giapporiccionese’, ancora non è sicuro invece il nome del secondo pilota. “In questi giorni Niccolò deciderà se rimanere con noi o cercare un posto in Moto2. Ho già detto che mi piacerebbe mantenere la stessa squadra, ma ora dipende solo da lui.”

Non manca poi una considerazione riguardante il formato delle qualifiche Moto3, già in precedenza non particolarmente apprezzato. Dopo quanto avvenuto in Austria (continue ricerche di scie con tantissimi piloti sanzionati per questo), Simoncelli torna all’attacco. “Mi auguro davvero che Dorna cancelli Q1 e Q2, per optare per qualcosa di simile alla Superpole. Quello che stiamo vedendo in ogni Gran Premio, piloti che aspettano gli altri, è davvero imbarazzante.”

Non risparmia qualche rimprovero ai suoi piloti: “Niccolò e Tatsuki si sono complicati la vita dopo un ottimo venerdì, prendendo una penalità nella maniera più stupida.” Le condizioni meteo non hanno aiutato: “La gara è stata dichiarata bagnata, per questo è stato difficile capire quali potevano essere le gomme giuste. Tatsuki però ha commesso un errore da principiante alla prima curva.” Complessa anche la gara di Antonelli: “Scattava dal fondo, inizialmente ha sofferto ma poi ha lottato con il primo gruppo, chiudendo 9°.”

Lo scorso fine settimana si è svolto anche il secondo round MotoE. “Casadei è il pilota più giovane tra tanti veterani, è con noi dal 2013 e abbiamo grande fiducia in lui” ha detto Simoncelli. “È veloce ma, quando deve guadagnarsi un buon risultato, spesso perde l’occasione. Questo è quello che è accaduto sabato: tutto lasciava sperare in un buon piazzamento, ma alla seconda curva ogni speranza si è infranta.” Mattia Casadei, apparso molto rapido durante le libere, è caduto nel corso del suo giro veloce in E-Pole: è scattato così dal fondo.

“Certo è che la pioggia ha complicato un po’ la situazione” ha continuato Simoncelli, che però bacchetta ancora il suo pilota. “In questo momento della sua carriera però deve iniziare a dimostrare qualcosa. Tra agosto e settembre si comincia a fare qualche bilancio e deve risultare positivo. Ad un certo punto quello che conta è ‘qui e adesso’: questo per lui significa che deve mostrarsi più competitivo e puntare a vincere.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Marc Marquez e Valentino Rossi

MotoGP, Dovizioso: “Valentino ha più talento di Marquez”

Cal Crutchlow

Crutchlow: “Concordo con Lorenzo, ma voglio continuare con Honda”

motogp michelin

MotoGP, Motegi: Michelin, sfida su un tracciato ‘stop&go’