Red Bull Rookies Cup: Prima pole stagionale per Yuki Kunii

Yuki Kunii conquista la pole nella prima tappa del 2019 in Rookies Cup. Barry Baltus e Carlos Tatay in prima fila, Matteo Bertelle 11°.

3 maggio 2019 - 23:40

Qualifiche scoppiettanti nel primo appuntamento stagionale per i giovanissimi della Red Bull Rookies Cup. Sarà il sedicenne giapponese Yuki Kunii a scattare dalla prima casella in griglia a Jerez, con il belga Barry Baltus in seconda piazza e Carlos Tatay a completare la prima fila. Gara 1 al via sabato alle 16:30, Gara 2 in programma domenica alle 15:30, entrambe in diretta su www.redbull.tv .

Come detto, una bella battaglia per la miglior posizione di partenza, con Baltus molto rapido nelle prime prove libere. In seguito è stato costretto a cambiare moto per un problema tecnico, non riuscendo a lottare per la pole. Kunii ha invece dominato le FP2 e poi le qualifiche: forte di una pole, una vittoria ed un podio nel CEV Moto3 della settimana scorsa, vuole iniziare al meglio anche in Rookies Cup. Attenzione a Tatay, che giusto un anno fa ottenne una vittoria ed un podio sul tracciato andaluso.

Il rookie Haruki Noguchi apre la seconda fila in griglia di partenza nel suo primo weekend in questo campionato ed è determinato a iniziare decisamente meglio rispetto al CEV. Dietro di lui si è piazzato Adrián Huertas, ottimo il ritorno di Jason Dupasquier, out per quasi tutto il 2018 per infortunio e l’ultimo della seconda fila.

David Salvador, Lorenzo Fellon, Max Cook e Marcos Uriarte completano la top ten di questo primo appuntamento stagionale. Subito dietro di loro c’è l’unico italiano presente, Matteo Bertelle, pronto a dare il massimo nella sua prima annata in Rookies Cup partendo dall’undicesima casella in griglia.

La classifica

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Massimo Rivola

MotoGP, Rivola: “Iannone ed Espargaró? Normale parlino con altri team”

fabio di giannantonio

ESCLUSIVA Fabio Di Giannantonio: “Devo diventare più costante”

MotoGP, Alex Rins

MotoGP, Alex Rins: “Che goduria battere Valentino e Márquez”