Pol Espargarò

Pol Espargaró esalta KTM e attacca: “Petrucci supera senza rispetto”

Pol Espargaró a Le Mans regala il miglior risultato sull'asciutto alla KTM. Ma critica lo stile di guida di Petrux: "Non gli importa niente quando sorpassa".

20 maggio 2019 - 15:51

Pol Espargaró ha regalato alla KTM il miglior risultato in assoluto sull’asciutto (dopo il podio ‘rain’ a Valencia), con i quattro piloti della casa austriaca in zona punti. A Le Mans non brilla Johann Zarco, 13esimo con 33 secondi di ritardo. Ma il sesto posto di Espargaró rappresenta la terza top 10 nelle prime cinque gare e rischia di far cadere ogni alibi al pilota francese.

A tratti lo spagnolo della KTM ufficiale sembrava potesse insidiare anche la quinta piazza di Valentino Rossi, al termine di un weekend alla ribalta sin dal venerdì. Nelle prove oscillava tra 6° e l’8° posto, due cadute nelle qualifiche (la seconda per un guasto meccanico) non gli hanno consentito di fare un giro cronometrato. Ma oltre ad una splendida rimonta dalla 12esima posizione, Pol Espargaró ha messo a segno una gara di puro attacco. Il pilota di Granollers ha tagliato il traguardo con 5,9 secondi di distacco dal vincitore Marc Márquez. Stavolta ad aiutarlo non hanno contribuito le varie cadute avvenute tutte alle sue spalle.

Poche le novità apportate sulla RC16 dal team di Mattighofen, tra cui il forcellone posteriore in fibra di carbonio. Difficile capire quanto il bel risultato francese sia da attribuire alla nuova componente, ma certo non basta per giustificare l’ottima prestazione. “I cambiamenti che abbiamo fatto hanno funzionato, ma è ancora difficile credere che quattro cose che sembravano una sciocchezza abbiano consentito di fare questo salto“. Un risultato ‘folle’ che probabilmente verrà contraddetto già la prossima settimana al Mugello. Ma dimostra come KTM continui a lavorare a pieno regime per dare ai suoi piloti una moto competitiva: “Questo mi dà molta fiducia per le prossime gare. Se riusciamo a rendere competitiva la KTM, possiamo stare al passo con i rivali e combattere. E possiamo sconfiggerli, come abbiamo dimostrato oggi. Abbiamo un buon pacchetto. Gli altri non sono invincibili“.

I progressi di Jerez hanno avuto conseguenze positive a Le Mans, ma il Mugello sarà un banco di prova, dove si arriva con alte aspettative. A macchiare lo stato d’animo di Pol Espargaró la guida aggressiva di Petrux: “Danilo ha uno strano modo di sorpassare. Non gli importa di nulla. Arriva in curva, accende il gas e ti tocca, così elimina gli avversari… Ci sono modi decenti per superare. La collisione con Danilo è stata feroce. Sono contento di non essere caduto. Ho le tracce della sua ala sul mio sedere. Ha anche toccato la mia coscia. Danilo e io abbiamo idee diverse sulle corse. Non vedeva altra possibilità di sorpassare che spintonarmi. Anche Franco Morbidelli mi ha fatto dei lividi“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Jorge Lorenzo

Jorge Lorenzo a Motegi per il ringraziamento Honda

johann zarco

Johann Zarco: “Ho davanti 3-4 stagioni da vivere al massimo”

MotoGP, Maverick Vinales

MotoGP, Maverick Viñales: “L’interesse Ducati mi lusinga”