Moto3, Paolo Simoncelli

Paolo Simoncelli: “Tatsu Suzuki ci farà divertire… se ci faranno correre”

Paolo SImoncelli fa un bilancio del primo GP di Moto3 a Losail. Tatsuki Suzuki autore della pole saprà regalare grandi risultati: "Se ci fanno correre..."

11 marzo 2020 - 13:31

Paolo Simoncelli ha dovuto guardare da casa il suo team SIC58 impegnato a Losail. Un Gran Premio iniziato in salita con la notizia di Niccolò Antonelli costretto a tornare anzitempo in Italia per un intervento alla spalla. “La Moto3 ai tempi del coronavirus. Suona bene come titolo! Senza dubbio questo é un anno che passerà alla storia“, ha commentato Paolo. Un a gara che resterà negli annali di storia, con le classi Moto3 e Moto2 in pista senza la MotoGP. Solo per puro caso, dal momento che i team si trovavano sul posto per i test della settimana precedente. “Mi è dispiaciuto non essere vicino ai miei piloti in momenti delicati come il pregara“.

A prendere il posto di Niccolò Antonelli ci ha pensato il pilota del CEV Josè Garcia, che non è riuscito a tagliare il traguardo. Buona la prestazione di Tatsuki Suzuki, autore di una grande pole. Purtroppo in gara non ha raccolto quanto seminato è ha concluso con un 5° posto. “Sia Tatsuki che la squadra hanno fatto una grandissima pole position che ha lasciato basiti tutti gli avversari che già ci avevano dato per spacciati“, ha aggiunto Paolo Simoncelli. “L’ ho sentito prima della partenza mi sembrava tranquillo gli ho solo ricordato : “sei capace di guidare non scordarlo, a parte quando non fai gli stop a Riccione, non avere timore di perdere!”.

IL FUTURO DELLA MOTO3

Il pilota riccio-giapponese ha compiuto una gara impeccabile, con due sole sbavature che hanno condizionato l’esito finale. “Il primo è stato quello di partire all’attacco un giro prima del dovuto, il secondo farsi trovare all’interno della curva 3 all’ultimo giro. Ha chiuso in quinta posizione“. Paolo Simoncelli si dice soddisfatto per la penalizzazione dei piloti che sfruttano la zona verde all’ultimo giro, ma la sua “battaglia continua perché penso che questa regola dimostri che chi taglia la pista sul verde ne tragga vantaggio. Quindi perché penalizzare solo l’ultimo giro? Uno ne trae vantaggio anche il resto della gara“.

Bilancio positivo dopo la prima gara della stagione 2020 di Moto3. Adesso regna incertezza sulla prossima data. “Ho visto un Tatsuki competitivo, combattivo, padrone della moto e della situazione, saprà regalarci soddisfazioni… se ci faranno correre ancora. Aspettiamo fiduciosi che il caldo ci aiuti a combattere questo virus e ci riporti alla normalità. Approfittiamo di questo momento in cui la vita é meno frenetica del solito per fermarci a riflettere su quanto l’ essere umano sia frangibile. Fermiamoci un attimo, è questo il mondo che vogliamo? E quando il profumo dell’estate prenderà il posto di quello dell’Amuchina magari da questa lezione avremo anche imparato qualcosa“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

motogp barcelona

MotoGP: Sospeso il Gran Premio di Catalunya del 7 giugno

motogp

MotoGP, la tecnica: La sfida logistica delle squadre nel Mondiale

MotoGP, Marc Marquez e suo fratello Alex

MotoGP, Marc Marquez: “Fortunato a non correre in Qatar”