MotoGP, bandiera rossa

Pannelli luminosi obbligatori in MotoGP, Superbike ed Endurance

La FIM rende obbligatori i pannelli luminosi con tecnologia a Led per la MotoGP (dal 2022) e per i Mondiali Superbike ed Endurance (dal 2023).

27 novembre 2020 - 7:52

I pannelli luminosi saranno obbligatori anche in MotoGP dal 2022, in Superbike ed Endurance dall’anno successivo. Attualmente obbligatori solo in Formula 1, da tempo richiesti dai piloti del Motomondiale, mettono fine alle controversie delle bandiere gialle esposte dai marshall che spesso non sono visibili. I cartelli luminosi con tecnologia Led verranno azionati dalla Race Direction o dai marshall in pista e sostituiranno le varie bandiere rosse, gialle, blu…

Pannelli T1 o T2

Attualmente in F1 il promotore del campionato è responsabile dell’installazione, dello smontaggio e del trasporto dei pannelli sui vari circuiti del calendario mondiale. A partire dal 2022, qualsiasi autodromo che voglia ospitare un evento del Campionato del mondo di Formula 1 o MotoGP dovrà avere un sistema di pannelli luminosi installati in modo permanente. I dispositivi a Led sono di tre tipi: T1, T2 e T3. Tutti i circuiti che fanno parte del calendario del Campionato del Mondo di F1 devono montare pannelli di tipo T1. Invece i circuiti approvati dalla FIM per ospitare gare di MotoGP, WorldSBK o Endurance potranno scegliere tra specifiche T1 o T2.

Due le aziende che ad oggi hanno i requisiti per la realizzazione dei pannelli luminosi. La britannica EM Motorsport, l’unica ad aver superato i test FIA per i dispositivi T1 e T2. E l’azienda spagnola Pixelcom che ha superato i test FIA T2 ed è l’unico fornitore di pannelli T3. Tutti sono sottoposti a rigorosi test dal laboratorio dell’Istituto federale di metrologia in Svizzera, dove vengono esaminati in varie condizioni, tra cui pioggia e luce solare diretta. Franck Vayssié, Direttore della FIM Circuit Racing Commission, ha commentato: “La FIM e la FIA condividono un forte legame in termini di sicurezza e questo rafforza ulteriormente la nostra cooperazione. Rendere obbligatori questi pannelli luminosi sui circuiti FIM che ospitano i Campionati del Mondo MotoGP, Superbike ed Endurance contribuirà a garantire i massimi livelli di sicurezza per tutte le gare di serie su queste piste di alto livello“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Tito Rabat Superbike

Superbike, Tito Rabat la sorpresa del 2021 per impensierire Rea?

MotoGP, Fabio Quartararo

MotoGP, Fabio Quartararo e la responsabilità di sostituire Valentino Rossi

nieto bertin zolder - motomondiale

MotoGP, la storia: l’unico Gran Premio del Belgio a Zolder