Valentino Rossi al Ranch di Tavullia

Valentino Rossi: “Yamaha ha scelto i piloti con troppa fretta”

Valentino Rossi parla di politica, della scelta dei piloti Yamaha factory, della fidanzata Francesca Novello e di Andrea Dovizioso.

8 febbraio 2021 - 15:17

Sarà l’ultima stagione in MotoGP per Valentino Rossi? Sarano i risultati delle prime gare a decretare la sentenza. Giunto alla soglia dei 42 anni non cambia il modo di pensare, di affrontare le gare. Neppure la rabbia per quel decimo titolo sfumato nel 2015 dopo qualche screzio con Marc Marquez. A distanza di circa sei anni non cambia opinione sul rivale spagnolo, qualche anno prima ospite al Ranch di Tavullia. Non nega il talento del Cabroncito, ma ammette: “Non è stato Marquez l’avversario più forte che ho incontrato“.

Vale e la politica

Tra pochi giorni spegnerà 42 candeline e Valentino Rossi ora trova persino il tempo di dare un’occhiata alla politica. “Guardi, non sono mai stato troppo critico con Conte, con il governo. Mi pare sia difficile gestire questo caos, tutti i Paesi del mondo sono andati in crisi, ed è facile disapprovare chi cerca di risolvere“. In un’era storica resa difficile dalla pandemia, la speranza è che i governatori possano trovare una soluzione ai principali problemi che affliggono il popolo italiano. “Spero in un piano serio per i vaccini e in un sostegno per i lavoratori in difficoltà che sono e saranno tanti. Vorrei una vera strategia per riprendere una normalità, per apprezzare più di prima l’Italia“.

La ‘Franci’ è l’anima gemella

Nell’intervista rilasciata al ‘Corriere della Sera, Valentino Rossi parla anche di affetti. Presto potrebbe convolare a nozze con Francesca Novello, magari quando dirà definitivamente basta alla carriera di pilota MotoGP. La loro love story procede da anni a gonfie vele, sono inseparabili anche nel paddock. Finalmente sembra aver trovato l’anima gemella. “È che ci siano trovati, abbiamo caratteri simili, è una donna votata al buonumore, è positiva, si impegna da matti per risolvere un problema. Mi pare proprio una buona spalla. A nessuno dei due piace litigare“.

La stagione 2021

La prossima stagione MotoGP lo vedrà fuori dal team Yamaha factory, indosserà i panni del team Petronas SRT. Una scelta che ha accettato di buon grado, anche se non condivisa. “Hanno scelto i piloti del 2021 prima che iniziasse il 2020 ed è un errore secondo me. È un vizio da MotoGP – ha sottolineato Valentino Rossi -. Bisognerebbe aspettare almeno qualche gara. Comunque Quartararo è ancora una promessa e Viñales, pur con alti e bassi, va molto forte. Faranno bene, ne sono certo“.

Non ci sarà Andrea Dovizioso, collega di tante battaglie. “Per me è assurdo, è veloce, esperto. Ma bisognerebbe chiedere a lui. Magari non aveva più voglia. Se fosse una sua scelta, tutto bene“. Tanti gli allievi della VR46 Academy che promettono una carriera di successo. A chi passerà il testimone? “Ne vedo più di uno tra i ragazzi dell’Academy. A cominciare da Morbidelli che arriva da una stagione stratosferica. È molto forte anche Bagnaia, secondo me farà un grade anno con Ducati. E poi mio fratello Luca: ogni volta che giriamo al Ranch fa sempre la differenza. Vengono su bene anche Bezzecchi, Vietti e Manzi“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Moto2 Moto3 Aspar

Moto2 e Moto3, tanto lavoro sia a Valencia che Portimao

Davide Brivio

Davide Brivio: “Formula 1 più difficile ed eccitante della MotoGP”

tommaso marcon moto2

VIDEO Tommaso Marcon ‘wild card europea’ Moto2: “Opportunità grandiosa”