Valentino Rossi: “Pronti a riaprire il Ranch di Tavullia”

Valentino Rossi riapre il Ranch di Tavullia dopo un mese di chiusura. Il campione di MotoGP vuole riprendere gli allenamenti in motocross.

28 aprile 2020 - 9:15

Da un mese a questa parte, a causa dell’emergenza Coronavirus, il Ranch di Tavullia è chiuso. L’unico pilota della MotoGP che ha continuato ad allenarsi in moto è Jack Miller, nella sua Australia. Qui il pilota Pramac è volato subito dopo l’annullamento delle gare in Qatar e Thailandia, una mossa azzeccata che gli ha permesso di godere di una certa libertà. In Italia, Spagna e Andorra, dove si concentra il maggior numero di piloti, la crisi sanitaria ha costretto a isolarsi in casa e ad allenarsi nelle palestre di casa. “Onestamente, non sono geloso di lui – ha scherzato Vinales -. Sono piuttosto felice per lui, almeno ha la possibilità di andare in moto. È nella sua fattoria ed è un posto bellissimo“, ha detto in un’intervista sulla chat Yamaha.

A TAVULLIA PRONTI PER RIPARTIRE

Valentino Rossi può godere del suo Ranch, opera unica nel suo genere che nutre ammirazione in tutto il mondo. Ma la situazione nella provincia di Pesaro era allarmante fino a pochi giorni fa. Adesso i contagi sono in netto calo e a breve con i ragazzi dell’Academy potrà tornare ad allenarsi. Ovviamente seguendo rigidi protocolli come prima della chiusura, perché il virus è ancora lontano dall’essere sconfitto. Dal 4 maggio sono consentiti gli allenamenti di atleti, professionisti e non, riconosciuti di interesse nazionale dal Coni e dalle federazioni. Saranno consentiti nel rispetto delle norme di rispetto sociale e senza assembramenti.

D’altronde in questa piccola provincia sono decedute ben 477 persone dall’inizio dell’epidemia di Coronavirus. Per quanto possa godere di ampi spazi, l’Italia non è l’Australia. “Questo è un vantaggio se vivi in ​​un posto dove c’è abbastanza spazio, come l’Australia o l’America – ha sottolineato Valentino Rossi riguardo a Jack Miller -. Seguo anche alcuni piloti americani di flat track come JDD Beach, che ha la sua pista di motocross nel cortile sul retro. Per noi è un po’ più difficile, abbiamo il Ranch, ma ormai è chiuso da un mese“, ha aggiunto il Dottore. “Ma speriamo di riaprire la struttura la prossima settimana e ricominciare gli allenamenti“. Sarà il primo step verso l’inizio di una nuova stagione MotoGP?

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Fabio Quartararo

MotoGP, Quartararo: “Rossi e Lorenzo i miei modelli”

motogp

Elvio Deganello, ancora grave l’ingegnere Suzuki MotoGP dopo l’incidente MX

MotoGP, Jack Miller

MotoGP, Jack Miller: “Grazie Pramac, ma il 2020 non è ancora finito”