MotoGP, Valentino Rossi

Valentino Rossi: “La MotoGP diventa una mini Formula 1”

Valentino Rossi ha cambiato idea sull'aerodinamica in MotoGP negli ultimi anni. La tecnologia fa passi da gigante e restare al passato è impossibile.

17 marzo 2021 - 9:13

In una stagione MotoGP marchiata dal congelamento dei motori (ad eccezione di Aprilia e, parzialmente, di KTM) i costruttori hanno puntato su ciclistica e aerodinamica. Anche Yamaha ha presentato un nuovo Aero-pack per la sua YZR-M1, con il parafango è schiacciato che si integra con le forcelle coperte da profili in carbonio. L’obiettivo è deviare al meglio i flussi d’aria, ridurre l’impennamento e acquistare qualcosa in velocità. Valentino Rossi in passato non è stato un grande sostenitore degli sviluppi aerodinamici, ma stavolta sembra aver cambiato idea.

D’altronde la tecnologia in MotoGP è in continua evoluzione e… chi si ferma è perduto. Ancora una volta è Ducati a fare scuola in materia di carenatura, con un deviatore posto a prua della Desmosedici GP21. “La linea di fondo è che è una cosa grandiosa. La MotoGP è la Formula 1 delle corse motociclistiche – ha spiegato Valentino Rossi -. Quindi è normale che tutto sia un po’ più piccolo rispetto alla Formula 1. Ma penso sia positivo che le moto siano così avanzate quando si tratta di aerodinamica ed elettronica“.

Un elemento sempre più familiare anche per il veterano di Tavullia, cresciuto in un motociclismo meno tecnologico. Quando il suo ex compagno di squadra Jorge Lorenzo montava giù le alette, il pesarese preferiva non montarle. Attualmente diventa impossibile farne a meno, la concorrenza rischia di fagocitarti. “Dobbiamo essere ai vertici delle corse motociclistiche“, ha aggiunto il Dottore. “Le migliori moto e i migliori piloti devono competere l’uno contro l’altro. Il livello è molto alto e questo è fantastico anche per i fan“. Talmente alto che la concorrenza si è livellata, così come il gap tra team satelliti e factory. “E ‘importante che le gare continuino ad essere spettacolari. Questa è sempre stata la forza della MotoGP – ha concluso Valentino Rossi -. Ma proprio per questo livello uniforme mi aspetto grandi duelli“.

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

1 commento

Makiland
18:22, 18 marzo 2021

Spero che l’ evoluzione … ovviamente inevitabile, dell’ aerodinamica oltre che dei motori e dei telai NON faccia perdere appeal alla MotoGP che confrontata con la F1 ne esce stra vincitrice per emozione, tecnica e spettacolo … La F1 di oggi è di una noia mortale …

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Jorge Lorenzo

MotoGP, Stefan Bradl: “Stupido l’atteggiamento di Jorge Lorenzo”

motogp ducati

MotoGP: Ducati, che inizio! Ora si può davvero sognare in grande?

alessandro zaccone motoe

MotoE, inizio “italiano” a Jerez. Zaccone: “Quest’anno ci divertiremo”