Valentino Rossi

Valentino Rossi: “Il rettilineo del Mugello sarà un punto debole”

Valentino Rossi punta al podio davanti al pubblico del Mugello, ma il rettilineo sarà la nota dolente per Yamaha. Viñales cerca il riscatto dopo il ko di Le Mans.

29 maggio 2019 - 13:05

Dopo due gare senza podio, Valentino Rossi proverà l’assalto al vertice davanti al pubblico di casa al Mugello (QUI gli orari). Su questo tracciato il Dottore è il pilota più vincente della classe regina, vanta sette vittorie consecutive, ma l’ultima risale al 2008. Difficile interrompere il vuoto decennale con una Yamaha M1 non ancora al top della forma e con una top speed precaria che renderà la vita difficile sul lungo rettilineo. Ma provarci è un obbligo per il campione di Tavullia, che potrà contare sul sostegno di migliaia di tifosi, forte di un 4° posto in classifica a tre lunghezze da Rins.

IL RETTILINEO IMPENSIERISCE IL DOTTORE


A Le Mans il Dottore è andato vicino al podio, rendendosi autore di una Q1 che ha spiazzato il paddock. Al Mugello servirà un’altra prova impeccabile sin dal venerdì, per trovare subito il giusto setting della M1. “Sono contento che sia il momento del Mugello, è un weekend speciale per tutti i piloti italiani. Ha un’atmosfera fantastica – ha dichiarato Valentino Rossi -, È anche un po’ difficile da gestire con tutti i fan, ma è davvero grandioso. Questa è una delle piste da corsa più belle dell’anno, mi piace davvero, ma sarà difficile perché tutti sono molto rapidi“.

I lunghi curvoni veloci possono dare manforte ad una moto agevole come la Yamaha, ma il rettilineo di 1.141 metri si rivelerà un ostacolo per un motore poco potente. “Il Mugello ha meno accelerazioni da bassa velocità, quindi penso che potremmo essere più veloci rispetto a Le Mans – ha aggiunto Valentino Rossi -. Ma è anche vero che c’è un rettilineo molto lungo. Sicuramente questo sarà il nostro punto debole, ma se lavoriamo bene, possiamo difenderci. Dobbiamo fare del nostro meglio per essere competitivi e dare il massimo“.

VIÑALES, OCCHIO ALLE QUALIFICHE!


Maverick Viñales è chiamato a confermare la risoluzione dei problemi in fase di partenza e a dare un calcio alla sfortuna. Per due volte è stato gettato sull’asfalto da altri piloti, costringendolo a incassare due 0 punti nelle prime cinque gare. “Dopo l’incidente di Le Mans, ho lasciato il circuito con l’amaro in bocca, sono rimasto molto deluso. Abbiamo lavorato molto bene per tutto il weekend, ma il problema è che sono partito troppo lontano dalla prima fila della griglia. Abbiamo imparato da questo, dobbiamo lavorare sodo il sabato. Non vedo davvero l’ora di tornare in sella questo fine settimana. Stiamo risolvendo tutti i problemi passo dopo passo. Sono sicuro che stiamo andando nella giusta direzione. Se continueremo a lavorare duramente, presto arriveranno buoni risultati“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Jorge Lorenzo

Jorge Lorenzo a Motegi per il ringraziamento Honda

12 Ore del Golfo: Valentino Rossi 7° in griglia, Capirex 15°

johann zarco

Johann Zarco: “Ho davanti 3-4 stagioni da vivere al massimo”