MotoGP, Valentino Rossi ad Algarve

Valentino Rossi e Tony Cairoli: la nostalgica settimana degli addii

Valentino Rossi e Tony Cairoli correranno l'ultima gara nei rispettivi campionati MotoGP e MXGP. Per entrambi in futuro ci sono le quattro ruote.

9 novembre 2021 - 8:33

E’ la settimana delle due leggende che dicono addio. Mercoledì sarà la volta di Tony Cairoli, impegnato a Mantova per l’ultima uscita MXGP. Domenica toccherà a Valentino Rossi al Ricardo Tormo di Valencia. Da lunedì si volta pagina, inizia una nuova vita, non solo sul lato professionale. Per ora occhi puntati sull’ultimo Gran Premio: per entrambi non c’è nulla in ballo (un 4° posto per Tony), solo il dovere di chiudere un libro di storia con una prestazione incorniciabile. “Valencia è una pista difficile per me, ma voglio impegnarmi il più possibile, rimanere concentrato e segnare qualche punto anche lì“.

Le nuove generazioni

Il siciliano si godrà un po’ di pausa e poi potrebbe pensare a qualche gara di Rally. Valentino Rossi avrà un bel da fare da subito. Continuerà ad allenarsi con i ragazzi dell’Academy VR46 e si preparerà per la 12 Ore del Golfo in programma agli inizi di gennaio. Per la terza volta parteciperà insieme a Luca Marini e Alessio Salucci sulla Ferrari GT3 del team elvetico Kessel. A proposito di allievi, sono stati loro a regalare grandi emozioni nel week-end di Algarve. “Sono molto contento della gara Moto3, perché Migno è arrivato secondo e Antonelli terzo, che fa un doppio podio per l’Academy. E per noi Migno e Antonelli sono i nostri vecchi fortunati ragazzi: sono stati con noi dall’inizio. Noi siamo sempre contenti quando arrivano sul podio, perché danno sempre il massimo“. In MotoGP ha trionfato Pecco Bagnaia per la terza volta nel 2022, conquistando cinque pole consecutive. Peccato per quell’inizio di campionato tra alti e bassi, altrimenti il titolo sarebbe stato suo.

L’epoca dell’elettronica

Valentino Rossi non nutre nessun rimpianto per la decisione ufficializzata in Austria a metà estate. L’epoca del Dottore si conclude qui, dopo aver navigato tra diverse generazioni e cambiamenti di regolamento. Fino all’ingresso della centralina unica che ha sconvolto gli equilibri in pista. “Questo è uno degli aspetti che è cambiato di più dai tempi di Casey Stoner, 10 anni fa. Sabato ho preso 0,9″ ed ero 16°! Queste moto aiutano tutti ad essere più regolari grazie all’elettronica. È anche vero che ormai tutti sono più preparati… Negli ultimi anni Dorna ha lavorato per avere una griglia molto equilibrata“.

Che favola Marco Simoncelli! “58” racconto illustrato in vendita anche su Amazon Libri

1 commento

Max75BA
16:15, 9 novembre 2021

Si meritano entrambi un monumento, immensi

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Valentino Rossi a 'Striscia la notizia'

MotoGP, Valentino Rossi braccato da ‘Striscia’: staffilata a Marc Marquez…

Moto2 Supersport

Moto2, Baldassarri pronto a lasciare e approdare in Supersport con MV?

Tony Cairoli

Tony Cairoli velocità e umiltà: “Non ero preparato per il Supercross”