Valentino Rossi

Valentino Rossi a Misano: test in Ferrari aspettando… l’Australia

Valentino Rossi, Luca Marini e Alessio Salucci tengono una giornata di test a Misano al volante della Ferrari 488 GT3, in vista della 12 Ore di Abu Dhabi

9 ottobre 2019 - 10:01

Durante il week-end del Mugello Valentino Rossi ha annunciato che a dicembre non correrà al Monza Rally Show per prendere parte alla 12 Ore di Abu Dhabi. Insieme al Dottore parteciperanno suo fratello Luca Marini e l’amico di sempre Alessio Salucci. Il trio salirà al volante di una Ferrari 488 GT3 del team Kessel e affronteranno questa gara di endurance sul circuito di Yas Marina, il 14 dicembre 2019. Per prepararsi al meglio alla sfida Valentino Rossi, appena tornato dalla Thailandia, ha tenuto una giornata di test sul circuito di Misano insieme ad Uccio e al fresco vincitore del Gran Premio di Moto2, Luca Marini. Ad assistere alla performance, oltre alle rispettive dolci metà, c’erano anche Alen Bollini e Camilla Fratesi.

Reduce da un week-end in salita, alle prese con il solito problema di trazione al posteriore, Valentino Rossi ha ancora quattro gare per dare l’assalto al podio in MotoGP. In questa stagione ha conquistato la top-3 in due sole occasioni, Rio Hondo e Austin. Le prossime tappe, in particolare Phillip Island e Sepang, si preannunciano molto favorevoli al pilota di Tavullia. In particolar modo il tracciato australiano, dove ha vinto ininterrottamente dal 2001 al 2005 e poi nel 2014, oltre a conquistare una serie di podi (l’ultimo nel 2017). “Phillip Island è una delle mie piste preferite. Ma lo dicono anche molti altri piloti “, ha ammesso Valentino Rossi. “Penso spesso a questa gara. Ho vinto il mio primo titolo in 500cc nel 2001 – riporta Speedweek.com -. Ho sconfitto Max Biaggi nell’ultimo giro. Mi sono anche assicurato il titolo MotoGP nel 2004 nel mio primo anno Yamaha“.

Prima di approdare in Australia c’è di mezzo la gara giapponese. Insieme al team dovrà trovare qualche soluzione per migliorare il problema di usura al posteriore che, al Buriram, si è presentato dopo pochi giri. La prestazione di Fabio Quartararo impone a lavorare meglio all’interno del box. Motivo per cui dal prossimo anno a dirigere l’orchestra tecnica ci sarà David Munoz al posto di Silvano Galbusera. Prima di mettere la firma sul rinnovo serve una svegliata generale, a cominciare dagli uomini intorno a lui.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Andrea Iannone e Aleix Espargaro

MotoGP, Aprilia punta al team satellite: “Bisogna convincere Piaggio”

jordi torres

MotoE: Il team Pons schiera Jordi Torres nel 2020

motoe 2019

MotoE, il calendario 2020 definitivo: via Le Mans, torna Valencia