MotoGP, Danilo Petrucci

Test MotoGP, spavento Danilo Petrucci: “Trauma cranico, pensavo peggio”

Danilo Petrucci protagonista di caduta durante la seconda sessione di test MotoGP a Jerez. Trauma cranico, non proseguirà il lavoro in pista.

15 luglio 2020 - 16:08

La seconda sessione di test MotoGP a Jerez inizia con una serie di cadute e tanto spavento. Danilo Petrucci è dovuto ricorrere alle cure della Clinica Mobile, ma fortunatamente nulla di grave. Bandiera rossa prima per un black out elettrico, ma al rientro si sono verificate alcune cadute. A terra il rookie Alex Márquez (curva 6) e proprio il pilota Ducati, scivolato alla curva 11.

A causare quest’ultimo incidente una perdita d’olio dalla Aprilia RS-GP di Aleix Espargaró. Dopo la caduta, Petrux ha accusato dei giramenti di testa e per precauzione hanno effettuato un controllo medico. Fortunatamente il pilota ternano della Ducati è stato dichiarato fit dopo i primi esami, quindi ha ottenuto il via libera per la gara in Spagna, ma ha accusato una forte contrattura al collo. Non proseguirà la seconda sessione di test MotoGP, ma sarà regolarmente in pista venerdì per le prime prove libere. “Trauma cranico, pensavo peggio” sono state le prime dichiarazioni di Petrucci riportate da Sky Sport.

Al mattino Danilo Petrucci non ha spinto troppo sul gas ed ha concluso la prima manche del test con il 20° crono. Le alte temperature dell’asfalto e il layout di Jerez costringono le Ducati a giocare sulla difensiva. Per il ternano comincia con una piccola disavventura la sua ultima stagione MotoGP in sella alla Ducati. Dal 2021 vestirà i panni del team KTM Tech3 con cui inizierà un nuovo capitolo della sua carriera. Buone notizie sulle condizioni fisiche anche per Andrea Dovizioso. La clavicola sinistra ha risposto bene a queste prime uscite e da venerdì proverà subito a contendersi le posizioni che contano.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Joan Mir campione del mondo 2020

MotoGP, Joan Mir: “Suzuki deve migliorare due settori”

miller motogp

MotoGP, Jack Miller: “Non potrò mai ringraziare abbastanza Ducati Pramac”

marini moto2

Moto2, Luca Marini vice-campione 2020: “Gardner gara mostruosa”