MotoGP, l'Aprilia di Aleix Espargarò

Romano Albesiano: “La MotoGP è un treno che potrebbe non ripassare”

Diversi piloti della Moto2 e qualche veterano della MotoGP hanno rifiutato l'offerta Aprilia. Romano Albesiano: "Con Dovizioso sarebbe stato interessante"

20 dicembre 2020 - 8:57

Aprilia archivia la stagione MotoGP 2020 incassando più delusioni che emozioni, ma il finale di Portimao lascia intravedere nuovi orizzonti. Al termine di un anno senza il suo pilota di punta Andrea Iannone. E dopo il danno della squalifica anche la beffa, per non aver trovato un sostituto. Tanti i no racimolati dalla classe regina alla Moto2, complice anche una sentenza del Tas arrivata con incredibile ritardo. Nel 2021 il costruttore di Noale sarà l’unico a poter beneficiare delle concessioni per sviluppare la RS-GP. “Potremo lavorare su tutto, dal motore al telaio, ma la Ktm ha quattro moto e più dati: un salto simile non sarà facile“.

Aprilia resta fanalino di coda dopo l’exploit del diretto avversario austriaco. L’ultimo prototipo ha consentito di fare passi avanti, ma non è sufficiente per ambire alla top-5. Si volta pagina, Romano Albesiano e gli altri tecnici sono al lavoro sulla moto 2021 già da molto tempo. “Progressi per feeling, facilità di prestazione e turning; possiamo crescere in frenata e nell’evitare l’impennamento“, spiega a ‘La Gazzetta dello Sport’. Ma vietato esaltarsi, gli obiettivi sono quelli di un anno fa. “Se procederemo in questa crescita credo che la top-10 con alcune top-5 siano possibili“.

Nei prossimi test invernali non solo il team veneto dovrà proseguire con lo sviluppo della RS-GP. Ma scegliere chi, tra Lorenzo Savadori e Bradley Smith, affiancare ad Aleix Espargarò nella prossima stagione MotoGP. Tanti i no ricevuti dal mercato piloti: da Andrea Dovizioso a Cal Crutchlow, da Marzo Bezzecchi a Joe Roberts. Come si spiega la scelta di alcuni atleti di restare nella classe di mezzo piuttosto che saltare in classe regina con l’Aprilia? “Sono rimasto molto stupito – ammette Romano Albesiano -. La MotoGP è un treno che potrebbe anche non ripassare”. Peccato non aver convinto Andrea Dovizioso, che ha preferito dedicarsi alle gare regionali di motocross. “Sarebbe stato interessante, ma credo che Andrea non avesse energie per una sfida così impegnativa e lo capisco“.

1 commento

robertogiostr_14994777
18:58, 20 dicembre 2020

Ma hanno pensato a Loris Baz?

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Fabio Quartararo

MotoGP, Fabio Quartararo e la responsabilità di sostituire Valentino Rossi

nieto bertin zolder - motomondiale

MotoGP, la storia: l’unico Gran Premio del Belgio a Zolder

MotoGP, Marc Marquez

Marc Marquez inizia la preseason: “Noiosa la vita senza MotoGP”