MotoGP, Franco Morbidelli e Valentino Rossi

Ramon Forcada: “Valentino Rossi e Franky amici… ma solo dietro ai box”

Ramon Forcada ricorda i tempi "duri" della MotoGP tra Valentino Rossi e Jorge Lorenzo. Ora atmosfera più soft nel box con Franco Morbidelli.

20 novembre 2020 - 8:47

Il week-end MotoGP a Portimao riveste una certa importanza per Franco Morbidelli e il suo capotecnico Ramon Forcada. L’allievo di Valentino Rossi può affermarsi vicecampione del mondo, dopo tre vittorie (l’ultima al GP di Valencia), un podio e due pole position. Stagione da incorniciare e parte del merito va all’esperto tecnico catalano, nei box Yamaha sin dai tempi d’oro di Jorge Lorenzo. Scaricato da Maverick Vinales alla fine del 2018, si sta togliendo belle soddisfazioni…

Ramon Forcada ha traghettato Franky nel passaggio dalla Honda del team Marc VDS alla Yamaha YZR-M1 del nuovo team Petronas SRT. Al primo anno ha subito la dominanza di Fabio Quartararo, ma in questa stagione MotoGP 2020 ha preso il sopravvento. Quando manca una sola gara al fine del Mondiale, Morbidelli è il miglior pilota della casa di Iwata e potrebbe chiudere alle spalle del neo campione Joan Mir. A patto di difendere i quattro punti che lo separano da Alex Rins, i quindici da Maverick Vinales, i diciassette da Fabio Quartararo e Andrea Dovizioso. “Petronas lavora molto bene come squadra“, ha ammesso il capotecnico nel podcast “Por Orejas” curato da Motorsport.com. “Né Diego [Gubellini] né io abbiamo problemi a parlare e dire ‘è così che va’, ‘cosa hai fatto’, è tutto super trasparente. Ad esempio, sei caduto e uno arriva ai box… nessun problema, i meccanici dell’altra squadra danno una mano“.

Ramon dal muro a ‘Morbido’

Non sempre è andata così nella sua carriera pluriennale e Ramon Forcada ricorda i tempi del muro tra Valentino Rossi e Jorge Lorenzo. Soprattutto nei primi anni di esordio in MotoGP del maiorchino “il rapporto tra Rossi e Jorge ha avuto molti alti e bassi. All’inizio era un bel rapporto, il problema era in pista. Arrivò uno più veloce di lui. Non era nei piani per Jorge essere così veloce e conquistare la pole alla prima uscita in Qatar. Questo era un problema“. In breve tempo l’atmosfera ai box si è infiammata, intorno ai due campioni si sono formati dei “clan”, Jorge conquista ben tre titoli iridati. “Abbiamo messo un muro quando c’erano le stesse gomme, c’erano differenze e clan e ora non c’è più… Vedi l’immagine di Jorge come tester nel box di Valentino spiegare cose sulla moto, sul circuito o altro, impensabile nel 2009“.

Nella prossima stagione MotoGP Ramon Forcada tornerà a lavorare con Valentino Rossi all’altro capo del box. Stavolta l’atmosfera sarà molto più distesa, con Franco Morbidelli c’è un rapporto fraterno. “Ci sono buone sensazioni tra i piloti, questo è importante. A patto che capiscano che questo avviene dietro i box, quando ognuno entra in pista dovrà andare per conto suo“.

Foto: Getty Images

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Valentino Rossi in Argentina

Valentino Rossi: “Diego Armando Maradona nell’elite di tutti gli sport”

moto2 moto3 jerez

Moto2-Moto3, la stagione 2021 è già cominciata con i primi test

MotoGP, Joan Mir champion 2020

MotoGP, Joan Mir: “Ho soffiato il podio n°200 a Valentino Rossi”