Puig risponde: “Da Honda appoggio incondizionato a Pedrosa”

Alberto Puig rispedisce a Stefan Pierer le accuse di aver trattato male Pedrosa. "Dani ha sempre avuto l'appoggio incondizionato di Honda, nel bene e nel male" ha dichiarato.

1 marzo 2019 - 8:46

Recentemente Stefan Pierer, CEO KTM, ha espresso grande soddisfazione per l’arrivo di Dani Pedrosa come tester per il progetto MotoGP. Non è mancato anche un attacco a Honda, che secondo lui non ha trattato bene il pilota catalano, parte della squadra giapponese per tutta la sua carriera. Non si è fatta attendere la risposta di Alberto Puig, Team Manager Repsol Honda, che rispedisce tutte le accuse al mittente.

“Ho vissuto la storia di Pedrosa in prima persona” ha dichiarato Puig a motorsport.com dopo i test in Qatar. “Se qualcuno ha appoggiato Dani nel corso della sua carriera, questa è stata Honda. Nel 2003 gli ha fornito la moto con cui ha vinto in 125cc, stesso discorso in 250cc nel 2004 e nel 2005. Nel 2006 è approdato nel team ufficiale in MotoGP. Dopo il titolo di Hayden nel 2007, il prototipo è stato realizzato su misura per Pedrosa. Nei 13 anni trascorsi in MotoGP, Dani ha sempre ricevuto l’appoggio incondizionato di Honda, nel bene e nel male.”

“Ho grande rispetto per il signor Pierer” ha precisato il Team Manager Repsol Honda. “La sua compagnia è il punto di riferimento nei campionati offroad, questo dice molto.” Torna poi a parlare di MotoGP: “Per arrivare ad alti livelli, KTM deve tenere Espargaró e Zarco fino al 2031. Mi piacerebbe proprio vederlo.” E su Pedrosa aggiunge che “Avremmo voluto che Dani rimanesse con noi come tester e ambasciatore della squadra. Lui ha optato per un’altra strada, rispettiamo completamente la sua scelta.”

Puig riassume poi questo periodo invernale. “Siamo migliorati in alcuni aspetti, altri li dobbiamo sistemare” ha spiegato. “Non è una scusa, succede in tutte le squadre. Il lato negativo è non aver avuto i nostri piloti al top della forma. Jorge non ha corso a Sepang, Marc ha vissuto un periodo complicato per l’operazione alla spalla e Cal si sta riprendendo dalla lesione in Australia.” Il lavoro sulla moto però non ha subito intoppi: “Se fossero stati bene, avremmo avuto qualche dato in più. Il processo evolutivo però è iniziato l’anno scorso, non c’è stato alcun impatto negativo.”

1 commento

france.tutin_13217392
12:54, 3 marzo 2019

Quest’uomo deve fare solo SILENZIO e non nominare più Dani Pedrosa!!!

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Valentino Rossi e Lewis Hamilton

Lewis Hamilton: “Il test con Valentino Rossi mi rende nervoso”

MotoGP, Alex Rins

MotoGP, Alex Rins: “Che goduria battere Valentino e Márquez”

Valentino Rossi sulla Mercedes F1

Valentino Rossi a bordo della Mercedes di Lewis Hamilton