Dani Pedrosa

Pol Espargaró: “Quando parla Pedrosa tutti diventano seri”

Dani Pedrosa in pista a Brno per proseguire lo sviluppo della KTM RC16. Pol Espargaró: "Con lui c'è più pressione, ma ci porterà risultati".

6 giugno 2019 - 13:18

Due giorni di test privati a Brno per KTM e altri costruttori, con la casa austriaca impegnata finalmente con Dani Pedrosa. Il collaudatore spagnolo, dopo i due giorni di prove a dicembre, è rimasto fermo per mesi a causa dell’intervento alla spalla. Dopo una lunga attesa, con frequenti visite a Mattighofen per osservare il lavoro dei tecnici, finalmente può impegnarsi in pista per sviluppare la RC16.

Pol Espargaró e Johann Zarco ripongono grandi speranze nell’esperienza di Pedrosa. Il primo per compiere ulteriori passi avanti dopo gli ottimi risultati: 38 punti dopo 6 GP, più della metà dei punti totalizzati nella stagione 2018 (51 punti). Il francese per provare a uscire da un periodo di profonda difficoltà a familiarizzare con la moto. “Possiamo aspettarci di migliorare una moto difficile. Per noi questo è molto importante. Sappiamo che porta un sacco di esperienza da altri produttori, questo ci può aiutare molto“, ha spiegato il pilota spagnolo della KTM. Il primo incontro tra i due è avvenuto durante il test prestagionale a Jerez, quando Pedrosa ha elargito i primi consigli utili su mappature, gestione dei problemi, elettronica. “Queste sono piccole cose che possono fare la differenza alla fine, è stato molto interessante per me“.

Nei due giorni di test a Brno l’ex pilota Honda darà soprattutto dei feedback sul motore V4 e l’elettronica, in attesa del prossimo test ufficiale della MotoGP a Barcellona del 17 giugno. “Quando Dani dice che qualcosa non va tutti diventano più seri. Avendo passato così tanti anni in un squadra vincente, si fidano molto di lui“, ha sottolineato Pol Espargarò. “La pressione è più alta perché Dani è qui, per me è una cosa molto positiva come pilota, perché vedo che tutte le piccole parti della fabbrica lavorano sempre di più in modo molto professionale. C’è pressione, ma ci porterà risultati“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Valentino Rossi

MotoGP, Valentino Rossi: “Per me il Mondiale è già finito”

MotoGP, Paolo Ciabatti

MotoGP, Paolo Ciabatti: “Non sarà facile sostituire Andrea Dovizioso”

rins motogp

MotoGP, Manuel Cazeaux: “Alex Rins era pronto, ma l’incidente a Jerez…”