MotoGP, Pecco Bagnaia in Catalunya

MotoGP, Zarco preoccupa Bagnaia: “Se vince va nel team ufficiale”

Pecco Bagnaia 20°, Johann Zarco 2° dopo la prima giornata di MotoGP in Catalunya. I due piloti Ducati si giocano una sella nel team factory per il 2021.

25 settembre 2020 - 22:09

Per Pecco Bagnaia il weekend di MotoGP in Catalunya inizia tutto in salita. 20° nella combinata FP1+FP2, con un ritardo di 1,5″ e una mancanza di grip che desta qualche preoccupazione. Ha lavorato prima con la media poi con la soft, senza riuscire a trovare il feeling con la sua Ducati. “Almeno a Dovizioso è andata un po’ meglio“. Al contrario Johann Zarco ha brillato con il secondo crono di giornata, con un gap di 109 millesimi dal best lap di Franco Morbidelli.

C’è una certa delusione nel box di Pecco Bagnaia, soprattutto in vista di una decisione importante per il suo futuro. I vertici di Borgo Panigale ancora non hanno chiarito chi sarà ad affiancare Jack Miller nel team ufficiale nella prossima stagione MotoGP. Decisione rimandata, ufficialmente per fare spazio all’annuncio di Valentino Rossi. In verità per tenere ancora un po’ sotto pressione i suoi alfieri con il ballottaggio Bagnaia-Zarco. “Certo che se Johann vincesse o facesse meglio di me potrebbe andare nella squadra ufficiale. Forse potrebbe cambiare qualcosa“.

Problemi di grip al Montmelò

Pecco ha provato a lavorare su diversi assetti, senza però trovare un buon passo gara. Difficile portare a temperatura le gomme, probabile che le mescole selezionate da Michelin non siano proprio impeccabili. “Ci sono curve che mi ricordano il Ranch [di Valentino Rossi] per via del modo in cui sono disegnate. Con il 10% dell’acceleratore sto già sbandando… Le gomme che Michelin ha portato qui si adattano alle temperature più alte. Ci sto lavorando, ma non ho ancora una soluzione“.

Ad ogni modo Pecco Bagnaia crede di poter migliorare le sue prestazioni in vista delle qualifiche MotoGP, se il vento non darà troppi problemi e se le temperature saranno più alte. “Domani sarò più veloce, ne sono certo. Oggi è stata una giornata insolita, abbiamo cercato soluzioni senza successo. Domani con meno vento staremo meglio. Secondo me le Ducati si riprenderanno, ma oggi abbiamo sofferto davvero sotto tutti i punti di vista. Il grip dell’asfalto aumenterà nel fine settimana“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

motogp grid

MotoGP, Moto2, Moto3: Le griglie 2021 prendono sempre più forma

ayumu sasaki moto3

Moto3, il primo podio di Ayumu Sasaki: “Dopo quattro anni duri, eccomi!”

MotoGP, Alex Marquez e Johann Zarco

MotoGP, Alex Marquez: “Johann Zarco non è stato intelligente”