MotoGP: Dovizioso, Lorenzo e Zarco

MotoGP, Zarco e Lorenzo attendono l’addio di Dovizioso

Il mercato MotoGP potrebbe riservare altri colpi di scena: ad attendere la caduta di Andrea Dovizioso ci sono Jorge Lorenzo e Johann Zarco.

30 giugno 2020 - 13:00

Il mercato piloti della MotoGP è pronto a infiammarsi dopo gli ultimi colpi a firma di Danilo Petrucci e Pol Espargarò. Anche se per il catalano manca ancora l’ufficialità e per Alex Marquez il passaggio al team satellite LCR. In Ducati è inevitabile qualche mugugno per la caduta di Andrea Dovizioso nella gara di motocross di domenica a Faenza. Per il rinnovo non basterà trovare l’accordo soltanto sulle cifre, servono risultati importanti. Resta da capire quanto le condizioni fisiche possano condizionare il doppio round di Jerez. “Non sento molto dolore e questo mi rende molto ottimista – scrive il forlivese -. Sono convinto che in queste settimane potrò pienamente recuperare ed essere in perfetta forma per il primo GP 2020 a Jerez“.

IN DUE SULLA SELLA DEL DOVI

Inevitabile che Ducati provi a pensare ad un piano B. Non solo Jorge Lorenzo in prima fila per la successione al campione della MotoGP. Dopo la gara di Valencia 2019, Gigi Dall’Igna e Paolo Ciabatti hanno dialogato a lungo con Johann Zarco nel motorhome Ducati. I vertici di Borgo Panigale hanno promesso una moto factory in cambio di risultati. Il primo passo potrebbe essere la promozione in Pramac Racing, dove avrebbe una Desmosedici GP ufficiale. Ma qualora dovesse saltare la trattativa con Andrea Dovizioso non è da escludere la sua ascesa. Del resto il francese risponderebbe alla prima richiesta del team emiliano: contratto annuale e ingaggio basso, in stile Jack Miller.

Jorge Lorenzo resta una opzione ancora valida, ma fino a che punto il maiorchino sarà disposto a giocare al ribasso? Si riapre un bel duello tra il pentacampione e Zarco dopo la diatriba di qualche mese fa. La prima scintilla risale allo scorso febbraio, quando il francese accusò il rivale di pensare troppo al denaro e vivere in Svizzera per non pagare le tasse. La risposta secca di Jorge non tardò ad arrivare: “Dopo dieci anni nel Mondiale, dovrebbe chiedersi perché sta ancora pagando il mutuo…“. La battaglia a distanza si ripete, ma stavolta molto più silente e con una posta in palio molto attraente: il team Ducati factory per la stagione MotoGP 2021.

Video: Instagram @johannzarco

2 commenti

ilduca196_13502995
20:12, 30 giugno 2020

Ma ancora a nominare Lorenzo siete? Che tristezza, pensionati di lusso spacciati per piloti ancora vincenti…
4 anni di batoste (da Rossi, Dovi, Dovi, Marquez a pari moto!!!!) non sono sufficienti a dire che Lorenzo è un pensionato di lusso?

    dinosaur_14861264
    8:32, 1 luglio 2020

    Condivisibile al 100%. Inoltre direi che e’ pure disonesto: anche sorvolando sui suoi problemi fiscali in Spagna, il comportamento con le varie Case tra cui ha salterellato in questi anni e’ davvero riprovevole. Quello che mi stupisce sono i 4 che ti hanno votato contro. Notevole che, pero’, non abbiano avuto il coraggio di motivare il loro dissenso!

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Andrea Iannone e Aleix Espargaro

MotoGP, Aleix Espargarò: “Aprilia avrà presto un team satellite”

Moto2 - Mistral 610 - Tech3

Moto2, la tecnica: la sfida mondiale della Mistral 610 del team Tech3

MotoGP, l’ex di Marc Marquez in topless… per uscire dall’ombra