johann zarco motogp

MotoGP, Zarco: “Al lavoro per superare qualche limite nella mia testa”

Johann Zarco vola nel venerdì di libere in Austria. Si lavora sulla moto e sulla sua fiducia in sella. In questo senso guardando anche ciò che fa Martín.

13 agosto 2021 - 18:29

Il secondo round austriaco è iniziato nel migliore dei modi per Johann Zarco. Prima piazza con annesso nuovo record assoluto della pista sull’asciutto, più qualche buona prova anche sul bagnato dopo l’acquazzone pomeridiano. Una buona prima giornata per provare le modifiche attuate a livello di set up dopo il GP della scorsa settimana, ma continua anche a lavorare sul livello di fiducia in sella. Ma procede anche sulla scia di quanto fatto dal compagno di box per quanto riguarda la motivazione e la determinazione a fare bene.

“Nella prima sessione ho deciso di optare per la gomma soft proprio sul finale del turno” ha sottolineato Zarco a giornata conclusa. “Le condizioni della pista e le temperature erano ottime per provare a realizzare un buon tempo. Avevo l’impressione che nel pomeriggio sarebbe stato molto caldo, quindi volevo sfruttare al massimo l’occasione nelle prime libere. È andata molto bene.” Ha già riscritto il nuovo record della pista stampato pochi giorni fa dal compagno di box Jorge Martín… Il pilota francese di Pramac Ducati appare carico per questo nuovo GP. Si lavora su due fronti, uno è quello tecnico.

“Gli aggiustamenti di set up che abbiamo fatto stanno funzionando.” Ma non solo. “Sto ancora lavorando sulla giusta fiducia per riuscire a sfruttare al meglio la moto. Per superare qualche limite costruito nella mia testa. Non è tutto perfetto, ma era l’occasione giusta per cercare di mettere in pratica quello che ho imparato la scorsa settimana.” Sottolineando che “A livello di crescita è sempre un mix tra moto e pilota.” Due le condizioni trovate oggi. “Nel pomeriggio è arrivata la pioggia, è stato un buon esercizio.” Anche se sul finale di FP2 non è mancato qualche ‘intoppo’ nella procedura di partenza (nel video in alto).

Un fatto capitato anche a Quartararo ed a Rins. “C’è stato tanto spin alla partenza, ma non ho commesso errori con il launch control. Forse è stata la gomma troppo calda su un tratto umido.” Infine, parlando di Martín: “Quando dico che guardo le sue cose buone non parlo di set up, del quale non voglio sapere. In MotoGP troppo controllo non aiuta a vincere e lui ha una guida più aggressiva, a volte più rischiosa, come s’è visto anche sabato scorso per la pole position. È una motivazione a cercare di ‘lasciar andare’ un po’ di più: sto seguendo quello che fa Jorge in questo senso.”

Per i tuoi massaggi Thai

Foto: motogp.com

1 commento

FRA 1988
18:35, 13 agosto 2021

Gran duo di piloti Martin e Zarco che stanno dando grosse soddisfazioni alla Ducati. Un pò meno al
team factory che si sta mangiando le mani vedendo
come stanno andando forte.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Enea Bastianini e Ruben Xaus

MotoGP, il budget fa il gap: Enea Bastianini stile Robin Hood

MotoGP, Marc Marquez a Misano

MotoGP, Honda-revolution: Marquez apre la strada, Espargarò in bilico

Superbike, Toprak Razgatlioglu

MotoGP, Toprak Razgatlioglu pronto per un test con la Yamaha