MotoGP, Valentino Rossi

MotoGP, Yamaha: un’offerta imperdibile per Valentino Rossi

Nel paddock MotoGP il team VR46 di Valentino Rossi resta la squadra satellite più gettonata. Yamaha pronta ad offrire due M1 factory al prezzo di una.

15 maggio 2021 - 7:59

Sono giorni di trattative serrate nel paddock della MotoGP, entro il Mugello ci sarà la fumata bianca. Il team Aramco VR46 di Valentino Rossi corteggiato a destra e a manca, vuol dire sia da Yamaha che Ducati. Invece, il team Gresini Racing sembra orientato verso Aprilia. Ognuno cerca di strappare le migliori condizioni possibili. E’ pur vero che stringere la mano al gruppo di Tavullia significa guadagnarci anche in termini di prestigio e non solo. L’obiettivo dei costruttori della MotoGP, non dimentichiamolo, è vendere i propri modelli sul mercato mondiale. Con un occhio particolare verso i mercati emergenti orientali.

Valentino Rossi è unico nel fare oscillare l’ago della bilancia all’impazzata. Difficile dire se alla fine opterà per Yamaha o Ducati. Nel primo caso rientrerebbe anche un valore affettivo dopo tanti anni insieme. Nel secondo la tentazione di unirsi ad un gruppo di lavoro italiano e una moto che di anno in anno diventa sempre più competitiva. A Le Mans è assente Razlan Razali, rimasto a Kuala Lumpur per discutere il rinnovo di contratto con lo sponsor Petronas. Ma a Jerez ha dialogato sia con Ducati che con Aprilia, avendo fiutato la possibile intesa tra la casa di Iwata e la VR46.

L’ipotesi VR46-Ducati

Secondo indiscrezioni raccolte da ‘La Gazzetta dello Sport’, Yamaha riserverebbe un trattamento molto più favorevole al team di Valentino Rossi. Sul tavolo delle trattative due M1 ufficiali a un prezzo di quasi la metà rispetto a quanto pagato da Petronas. Che non ha gradito troppo. Sembra comunque difficile immaginare la rottura dei rapporti tra Yamaha e Petronas SRT, resta quindi in ballo l’opzione Ducati per Uccio, Tebaldi & co. Paolo Ciabatti aveva ipotizzato 8 moto in pista dalla prossima stagione MotoGP… Ipotesi non impossibile, dal momento che anche Gresini dialoga con Borgo Panigale. E ci sarebbe l’ok di Carmelo Ezpeleta a procedere.

Di certo al Mugello verrà annunciato il rinnovo fra Ducati e Pramac. Il team di Paolo Campinoti continuerà con Johann Zarco e Jorge Martin. Nella trattativa con la VR46 offre una GP22 (per Luca Marini) più una GP21 (Marco Bezzecchi il candidato). Valentino Rossi chiede carta bianca nella scelta dei piloti. A quel punto Enea Bastianini dovrebbe cercare un’altra sella libera, magari con il team Gresini Racing. I pezzi del puzzle da incastrare sono ancora tanti.

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

Foto: getty images

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

bradl test misano motogp

MotoGP Test Misano: pista ‘bagnasciutta’, nuovo prototipo Honda 2022

motogp misano

MotoGP, due giorni di test a Misano tra presente e stagione 2022

MotoGP, Claudio Domenicali

MotoGP, boss Ducati: “L’eredità di Valentino Rossi è pesante”