MotoGP, Jorge Lorenzo

MotoGP, Yamaha tenta Jorge Lorenzo: serve un collaudatore per la M1

Jorge Lorenzo potrebbe essere tentato da Yamaha, alla ricerca di un collaudatore. Il maiorchino potrebbe seguire le orme di Casey Stoner.

18 dicembre 2019 - 11:47

Jorge Lorenzo ha annunciato il suo ritorno nel paddock della MotoGP, ma resta un mistero sulla possibile mansione che rivestirà. Da escludere un ritorno nelle corse, almeno nella stagione 2020. Possibile un ruolo manageriale all’interno di un team, anche se il sogno di molti suoi fan è rivederlo in sella alla sua amata Yamaha M1. Valentino Rossi ha aperto all’eventuale ipotesi all’indomani dell’addio annunciato a Valencia. In tono scherzoso il pilota di Tavullia ammise: “Magari diventasse il nostro collaudatore! Ora provo a proporlo a Yamaha. Secondo me se salisse sulla M1 potrebbe andare ancora veloce. Ci servirebbe tanto. Il problema è che vuole molti soldi!“.

Da parte della scuderia di Iwata ci sarebbe sicuramente ampia disponibilità. Dopo il rifiuto di Johann Zarco, si cerca un tester europeo all’altezza della situazione. Lin Jarvis ha confessato quanto sia difficile trovare un pilota in grado di condurre l’evoluzione della M1. Ma di certo Yamaha non si ferma nella ricerca. “Abbiamo bisogno di un pilota veloce e che sappia darci un feedback accurato”. D’altronde il prototipo M1 che ha lasciato alla fine della stagione MotoGP 2016 era disegnato in gran parte intorno al suo stile di guida.

In casa Yamaha sono consapevoli dell’importanza di un collaudatore, soprattutto considerando che i test invernali a breve verranno azzerati. In tal modo Jorge Lorenzo ripercorrerebbe le orme di Casey Stoner che, dopo aver lasciato il Motomondiale, si è dedicato allo sviluppo della Honda prima e della Ducati poi. Una scelta che gli consentirebbe anche di godersi quella agognata libertà che fino ad oggi non ha potuto vivere. “Se hai l’opportunità di vivere un po’ più liberamente e con calma, come posso fare ora, allora ne approfitti prima. Ti diverti a non avere alcuna pressione e vedere cosa porta la vita… Ho delle idee, ho delle passioni. Ma non ho ancora pianificato il mio futuro“. L’unica certezza è che lo rivedremo presto nel paddock.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Valentino Rossi

MotoGP, Valentino Rossi: “Bella vita, ma sei sempre sotto pressione”

MotoGP Fabio Quartararo

MotoGP, GP Catalogna: Chi l’ha detto che bisogna prendersi troppo sul serio?

aron canet moto2

Moto2: Aron Canet operato per sindrome compartimentale