quartararo motogp

MotoGP: Yamaha, ad Assen il pronto riscatto? I precedenti vincenti

Yamaha vuole archiviare un GP di Germania in cui ha brillato solo Quartararo. Il passato parla di svariati successi ad Assen per la casa di Iwata, ricordiamoli.

23 giugno 2021 - 18:55

L’appuntamento al Sachsenring è stato un vero naufragio per Yamaha, tolto Fabio Quartararo che ha messo a referto un gran terzo posto, “salvando” l’altrimenti magro bilancio del costruttore giapponese. Ora si va al GP ad Assen, sede dell’ultimo evento MotoGP prima della lunga pausa estiva, e la casa dei tre diapason certamente punterà al riscatto. Sulla scia di una storia con svariati successi se consideriamo i precedenti in classe regina. Specificando che dal 2002 ad oggi, ovvero nell’attuale categoria, il costruttore di Iwata ha mancato il podio in questo evento solo in quattro occasioni.

I trionfi in 500cc

La prima vittoria 500cc porta la firma di Giacomo Agostini, anzi nel 1974 è doppietta con Teuvo Lansivuori 2°. Bis Yamaha che si ripete nel 1978, quando vince Johnny Cecotto davanti a Kenny Roberts. Un altro successo arriva due anni dopo grazie al pilota di casa Jack Middelburg, al primo trionfo mondiale con una Yamaha ‘clienti’, a cui segue un hat-trick di Kenny Roberts nel 1983. Andiamo avanti di quattro anni e c’è Eddie Lawson sul gradino più alto del podio (con Randy Mamola 3°), ci pensa poi Wayne Rainey a portare Yamaha al top nel 1989, con Christian Sarron 3°. Segue un lungo digiuno di vittorie fino al nuovo millennio. È il 2001 quando Max Biaggi trionfa ad Assen per appena un decimo sulla Honda di Valentino Rossi.

Le vittorie in MotoGP

Ma ci pensa in seguito proprio Valentino Rossi, una volta passato alla casa di Iwata, a mettere la sua firma più di una volta nella nuova categoria. Precisamente nel biennio 2004-2005, poi nelle stagioni 2007, 2009, 2013, 2015 e 2017. Senza dimenticare in mezzo Jorge Lorenzo, vittorioso nel 2010, e Ben Spies, che mette il suo sigillo l’anno dopo. Lista che si chiude con Maverick Viñales, che ha conquistato il successo ad Assen nell’ultima edizione nel GP, ovvero nel 2019. Abbiamo evidenziato le vittorie, anche se negli anni non mancano svariati podi. Nell’attuale classe regina, Yamaha non è salita sul podio solo in quattro occasioni: nel 2003 (tris Honda), nel 2006 (Honda-Kawasaki-Honda), nel 2014 (Honda-Ducati-Honda) e nel 2016 (Honda-Honda-Ducati).

Yamaha verso il GP 2021

Fabio Quartararo ha messo a referto tre podi nelle categorie minori ad Assen. L’attuale leader MotoGP è riuscito ad allungare in classifica iridata, e certo cercherà di continuare prima della pausa estiva. “Una delle mie piste preferite, ed adatta a Yamaha”, una spinta in più per fare bene. È il pensiero anche di Maverick Viñales, che vuole decisamente dimenticare l’ultimo posto con cui ha chiuso la tappa al Sachsenring. Non senza qualche parola di fuoco… Il #12, come detto in precedenza, è uno dei vincitori per Yamaha ed è certo un motivo per cercare il pronto riscatto. Nel team clienti non c’è Morbidelli, infortunato e sostituito dal pilota Superbike Gerloff, mentre Valentino Rossi ha un bel passato ad Assen. Anche se quei tempi appaiono davvero molto lontani. Il Dottore cercherà comunque il miglior risultato possibile in una stagione davvero complicata, forse la sua ultima nel Mondiale…

Foto: motogp.com

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

500cc hedemora circuit - motogp

MotoGP, la storia: 1958, il primo GP di Svezia si corre a Hedemora

MotoGP, Valentino Rossi

MotoGP, conferenza stampa saudita: Valentino Rossi continua?

taiga hada moto2

Moto2: nuova occasione per Taiga Hada, una wild card in Austria