MotoGP: Valentino Rossi “Yamaha ha sottovalutato l’importanza dell’elettronica”

Valentino Rossi invoca immediata reazione: è quello il settore dove la M1 soffre

31 marzo 2018 - 8:22
Valentino Rossi è arrivato terzo in un Gran Premio del Qatar che non sembrava così promettente per la truppa Yamaha. Il Dottore ha trovato la pozione magica per risalire in gara. Un vero affare. Tuttavia, Vale non allenta  la pressione sugli uomini di Iwata. La M1 soffre di un certo ritardo sui suoi concorrenti per quanto riguarda la gestione elettronica a causa della mancanza di una sottovalutazione del soggetto.
Il Gran Premio dell’Argentina si sta avvicinando e sarà una nuova sfida per la Yamaha, visto che il tracciato di Termas de Rio Hondo è molto impegnativo per le gomme.  Gli ingegneri di Iwata per adesso sono in ritardo riguardo la gestione dell’elettronica Marelli, rispetto agli avversario. Valentino Rossi mette il dito sulla piaga in un’intervista uscita su Autosport. “Ducati e Honda hanno investito più soldi, tempo e persone sull’elettronica di quanto non abbia fatto Yamaha. E questo è ora il nostro punto debole. È necessario che Yamaha prenda le misure di questa situazione e reagisca il più rapidamente possibile. Abbiamo capito alcuni parametri, ma restiamo indietro rispetto agli altri. Uscire da questa situazione richiede un lavoro di gruppo e ottenere il massimo da esso. Senza dubbio Yamaha ha commesso un errore nel valutare l’argomento. Ci saranno piste dove soffriremo molto la gestione della gomma posteriore,  altre dove saremo a posto. Ma penso che con la nostra moto 2018 soffriremo meno rispetto all’anno scorso.”
Un discorso chiave che Yamaha ascolterà almeno fino alla fine del 2020, poiché Vale ha appena esteso il suo accordo.

2 commenti

fabu
12:03, 31 marzo 2018

dopo due anni se ne sono accorti..

Orfeo
8:04, 23 aprile 2017

Bravo Franco.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Graziano Rossi: “Vorrei vedere Valentino correre per sempre”

British Talent Cup: Seabright e Horsman vincenti a Snetterton

MotoGP: Ducati che ancora non svolta e il sogno Marc Marquez