MotoGP, Valentino Rossi e Cal Crutchlow

MotoGP, Valentino Rossi: “Voglio parlare con Cal Crutchlow”

Valentino Rossi non vede l'ora di parlare con Cal Crutchlow dopo il test MotoGP in Qatar: "Sono felice di lavorare con lui".

4 marzo 2021 - 21:15

Venerdì sul circuito di Losail prenderà il via lo shakedown MotoGP, riservato ai rookie, ai collaudatori e ai piloti Aprilia. Per Yamaha sarà la prima occasione per rivedere all’opera Cal Crutchlow in sella alla Yamaha M1 a distanza di otto anni. Valentino Rossi aveva spinto molto sul nome di Andrea Dovizioso, ma la trattativa si è presto arenata. Il forlivese ha preferito dedicarsi ai campionati regionali di motocross piuttosto che vestire i panni del collaudatore. Il britannico sarà in azione in tutte e sei le giornate di test in Qatar. Katsuyuki Nakasuga e Kohta Nozane, che hanno già avuto l’opportunità di correre in Giappone con la moto di quest’anno, alterneranno le loro uscite in pista.

L’esordio di Crutchlow a Losail

Dopo le difficoltà riscontrate nel 2020 con l’evoluzione della YZR-M1, Valentino Rossi ripone massima fiducia nell’ex pilota Honda. I problemi della Yamaha sono rimasti irrisolti per la mancanza di un programma di test per Jorge Lorenzo. Il maiorchino ha trascorso solo quattro giorni con la moto 2019 a febbraio (Sepang) e ottobre (Portimao). I suoi piani in gran parte annullati dalle restrizioni di viaggio per il Covid-19. “Penso che Cal possa fare la differenza, può aiutare molto la Yamaha“, ha commentato il campione di Tavullia. Nonostante ricoprirà un ruolo più libero rispetto ai piloti del team factory, il Dottore sembra molto attento sull’evoluzione della M1. “Inoltre, ho un buon rapporto con Cal, quindi sono molto felice di lavorare con lui“.

Nel box Petronas SRT sarà affiancato da un minor numero di tecnici rispetto al passato. Nei week-end di MotoGP potrà dedicarsi maggiormente alla ricerca del setting ideale per la gara. Però ripone massima attenzione sul lavoro di Crutchlow. “Dipende tutto dalla motivazione, perché essere un collaudatore non è facile. Di sicuro devi trovare la motivazione per spingere al limite la moto anche se non corri. Quindi, questo non sarà facile per Cal e spero che arrivi con una buona motivazione, con un buon approccio… È in buona forma, ha guidato a lungo per la Honda, quindi può dare qualche consiglio alla Yamaha – ha concluso Valentino Rossi -. Voglio parlare con lui dopo il suo primo contatto con la M1“.

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

pecco bagnaia motogp

MotoGP, Pecco Bagnaia: “Zarco un riferimento nell’ultimo settore”

marc marquez motogp

MotoGP, Marc Márquez: “Che sorpresa il 6° posto, mi vedevo lento!”

Moto2 GP Portimao, Prove 2: Joe Roberts si conferma, 5° Bezzecchi