MotoGP, Lin Jarvis

MotoGP, Valentino Rossi: un nodo da sciogliere prima della firma

Valentino Rossi chiede di trasferire il suo staff nel box Petronas SRT nella stagione MotoGP 2021. Lin Jarvis prova a mediare con Razlan Razali.

12 giugno 2020 - 18:55

La MotoGP non perderà il suo personaggio più carismatico nella stagione 2021. Valentino Rossi ha avviato la trattativa con Petronas SRT, il team del manager Razlan Razali che conta di innalzare anche l’immagine della sua squadra con l’arrivo del nove volte campione del mondo. La certezza è che il 41enne firmerà un contratto annuale, ma restano da chiarire ancora alcuni dettagli, non solo in materia di sponsor e diritti d’immagine. Il più grande nodo da sciogliere riguarda lo staff tecnico che dovrà seguire il Dottore nel box del team satellite. L’annuncio ufficiale arriverà entro la prima gara di Jerez.

A Valentino Rossi è stato promesso un contratto per il team clienti di Yamaha per il prossimo anno, optando per la promozione di Fabio Quartararo nella scuderia ufficiale. Per il pesarese cambierà solo la livrea, la M1 sarà identica a quella utilizzata da Vinales e Quartararo. Lin Jarvis non parla di firma certa, ma lascia presagire il buon fine della contrattazione. “Non posso anticipare questa decisione. Posso solo esprimere i miei pensieri personali“. Tutti concordano sul fatto che non possa lasciare la MotoGP dopo una stagione MotoGP come questa contrassegnata dall’emergenza Covid. Senza pubblico, con un numero ristretto di gare concentrate in pochi mesi. “Non sarebbe il momento giusto per terminare la carriera di un atleta così importante“.

VALENTINO VUOLE IL SUO STAFF

Non è da escludere che l’annuncio arrivi nel week-end di Jerez. Sarà l’ultimo capitolo dell’avventura targata Valentino Rossi. E lo farà condividendo il box con Franco Morbidelli, uno dei primi allievi dell’Academy, oltre che fra gli amici più intimi. Lo ha quasi adottato in uno dei momenti più difficili della sua vita privata e da allora sono inseparabili. “Valentino Rossi e Franco Morbidelli formano una buona squadra, si conoscono bene. Il fattore “sentirsi bene” tra i due piloti è importante. Questi due piloti, insieme al team SIC, è un buon progetto“.

Resta da capire cosa e quanto concederà Razlan Razali in termini di staff. Perché si tratta di sconvolgere una squadra che ha dimostrato di saper lavorare molto bene insieme nel suo primo anno in MotoGP. Servirebbe quantomeno la certezza che alcune figure tecniche siano disposte a restare anche dopo l’addio di Valentino Rossi. “Stiamo già discutendo della questione – ha precisato Lin Jarvis -. Ma come è comune nel nostro sport, parte del team seguirà il pilota quando cambiano squadra. Questo argomento non è ancora stato discusso in dettaglio. È troppo presto prima delle prime gare. Ma immagino che alcune persone andranno con lui“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

motoe energica

MotoE, Energica chiarisce: “Nessun incendio, estintori per raffreddare la batteria”

quartararo motogp

MotoGP: Quartararo, appello rigettato. Confermata la sanzione nelle FP1

MotoGP, Jorge Lorenzo

MotoGP, Jorge Lorenzo: fuori dal paddock tutta un’altra musica