MotoGP: Valentino Rossi sorpresa Thai “I più forti sono in prima fila”

Valentino Rossi sorprende nella Q2 in Thailandia e si prende la seconda piazza in griglia. Domani sarà una gara focalizzata sul consumo delle gomme.

6 ottobre 2018 - 9:29

Quando ogni speranza sembrava svanita e rimandata alla prossima stagione, quando la Yamaha sembrava ormai sull’orlo del baratro, Valentino Rossi riesce a stupire tutti e a sfoderare una prestazione superba nelle qualifiche in Thailandia. Seconda finestra sulla griglia di partenza e una pole sfiorata per soli 11 millesimi, un risultato su cui neppure lo scommettitore più azzardato avrebbe mai puntato.

Il Dottore stravolge le aspettative sulla carta e dimostra come il pragmatismo della pista risponda spesso a logiche diverse dalla teoria. “Questa Yamaha, ripeto, è come l’Inter. A volte ti aspetti tanto e non va, altre volte parti negativo e invece è la partita buona – ha detto Valentino Rossi ai microfoni di Sky Sport MotoGP -. Oggi è stata come l’Inter degli ultimi tempi, da ieri mi sono trovato bene con la moto, mi aspettavo un altro weekend difficile tipo l’Austria, poi quando parti bene è più facile lavorare con il team e fare le scelte giuste. Abbiamo fatto delle modifiche che mi hanno aiutato e sono contento perché nelle FP4 sono stato veloce”.

Alcune modifiche sull’elettronica hanno permesso di fare piccoli passi avanti, così da poter instaurare un miglior feeling con le gomme e limare quei decimi preziosi che si perdevano con lo slittamento. Non è la soluzione alla crisi Yamaha, ma consente di arrivare a Motegi con un po’ più di fiducia. “Abbiamo bisogno di un aiuto dal Giappone perché siamo in ritardo, è da tanto che non vinciamo, quest’anno non abbiamo mai vinto e ci sono tante aree dove la moto spesso dà problemi. Vi assicuro che io sto facendo di tutto, sto spingendo davvero tanto e spero che facciano uno sforzo. I prossimi due anni per me saranno importanti e mi piacerebbe essere competitivo”.

Domani sarà una gara d’attesa, dove il consumo delle gomme reciterà ancora una volta un ruolo da protagonista, pur consapevole che Honda e Ducati hanno qualcosa in più. “I più forti sono in prima fila: io, Marquez e Dovizioso. Poi c’è Maverick che è molto veloce, ma vedremo anche le Suzuki. Non so che gara sarà, ma farò di tutto per essere lì e lottare – ha aggiunto Valentino Rossi -. Certe volte la nostra moto non riesce a far lavorare bene le gomme, quindi si consumano di più e allo stesso tempo vai più piano. Altre volte la moto le fa lavorare bene e possiamo sfruttare i nostri punti forti. Qui sembriamo competitivi, ma sarà una gara d’attesa per non consumare troppo le gomme: anche con le dure si è un po’ più in difficoltà, ma chi ne avrà di più alla fine vincerà”.

Scommetti con Johnnybet

Ricambi moto 4moto.it

Biglietteria per tutti gli eventi motoristici, F1 inclusa

1 commento

Billy Idle
11:06, 29 giugno 2017

Articolo interessante: è sempre bello leggere qualcosa dei piloti che – solitamente – non si legge o si vede in TV.
Se, magari, nella composizione del testo non si scrivesse “un pò”, ma “un po’”, ci si avvicinerebbe maggiormente alla lingua italiana scritta (non sui cellulari/smartphone)!

POTRESTI ESSERTI PERSO:

jorge lorenzo motogp 2019

Jorge Lorenzo, a Motegi il 200° GP. “Abbiamo qualche idea da provare”

Fabio Quartararo

MotoGP, Fabio Quartararo: “Rookie dell’anno, ma non c’è fretta”

MotoGP Race

MotoGP, aria tesa nella MSMA: motori congelati fino al 2021