MotoGP, Valentino Rossi con la M1 Petronas

MotoGP, Valentino Rossi-Petronas SRT: i motivi della lunga trattativa

Valentino Rossi correrà la stagione MotoGP 2021 con livrea Petronas. La lunga trattativa tra il Dottore e il team malese causata da questioni legate principalmente agli sponsor.

18 marzo 2021 - 11:59

Valentino Rossi e Franco Morbidelli formano la nuova line-up piloti del team Petronas SRT per la stagione MotoGP 2021. Nel test in Qatar hanno condiviso per la prima volta lo stesso box e alcuni dettagli sono emersi evidenti agli attenti osservatori. Fra i vertici malesi e lo staff del Dottore la trattativa è andata avanti per diversi mesi, soprattutto per una questione legata a sponsor e per convincere gli investitori. Motivi di difficile comprensione per i semplici appassionati, dettagli che sfiorano l’alta finanza. Eppure alcuni dei motivi sono presto spiegati osservando le carene delle Yamaha YZR-M1 dei due piloti di Tavullia.

Il team manager Razlan Razali e Lin Jarvis hanno sempre parlato di difficoltà a trovare un’intesa fra legali Yamaha, Petronas e del pluricampione del mondo. Molti credevano si trattasse di ingaggio o divergenze sull’apparato tecnico. In realtà ci sono contratti di equipaggiamento di natura diversa tra Valentino Rossi e la squadra malese di non poco conto. Come fa notare Speedweek.com un fattore importante è il fatto che il marchio Alpinestars è fornitore dell’abbigliamento della scuderia satellite. Il 42enne, invece, è stato associato a Dainese dall’inizio della sua carriera ed è anche uno degli sponsor più importanti per il nove volte iridato.

A sua volta Franco Morbidelli indossa una tuta Dainese, ma ha un logo Alpinestars sulla carena all’altezza del manubrio. La medesima sezione della M1 di Valentino Rossi è rimasta vacante. Differenti anche alcuni partner tecnici. Mentre il veterano della MotoGP monta uno scarico Akrapovic, come precedentemente nella squadra ufficiale, l’equipaggio dell’italobrasiliano si affida al marchio giapponese Sakura. Cambia anche il fornitore delle catene e dei pignoni. Per il Dottore portano la firma del brand DID (marchio di casa Yamaha), mentre per il ‘Morbido’ arrivano dal Giappone e vengono realizzati da RK, azienda molto vicina alla Honda.

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

2 commenti

voiedegarag_15199617
17:37, 18 marzo 2021

D.I.D è giapponese e non appartiene a Yamaha ma a un gruppo internazionale (Bike Alert Group) che attualmente ha la sua sede in UK ma che è nato in Tailandia, stando a quel che dicono loro.

Quanto a RK vicina a Honda, chissà ?
Visto come sono verificate le informazioni forse viene da Marte e appartiene a me.
Ora vado a vedere.

    Makiland
    18:27, 18 marzo 2021

    Una Yamahahonda, quindi ?

POTRESTI ESSERTI PERSO:

pecco bagnaia motogp

MotoGP, Pecco Bagnaia: “Zarco un riferimento nell’ultimo settore”

marc marquez motogp

MotoGP, Marc Márquez: “Che sorpresa il 6° posto, mi vedevo lento!”

Moto2 GP Portimao, Prove 2: Joe Roberts si conferma, 5° Bezzecchi