MotoGP, Valentino Rossi

MotoGP, Valentino Rossi: Mugello è crocevia di decisioni importanti

Al Mugello arriva la MotoGP, per Valentino sarà un week-end doppiamente decisivo. Sia per il suo futuro da pilota che per il team Aramco VR46.

24 maggio 2021 - 8:51

Si apre la settimana del Mugello per Valentino Rossi e la classe MotoGP. Gara di casa per il nove volte campione del mondo e per i tanti italiani impegnati nel Motomondiale, che dovranno fare a meno della calorosa atmosfera sugli spalti. Sarà uno scenario spettrale, senza neppure una piccola fetta di pubblico. E allora tutti a casa per seguire un week-end decisivo per il campione di Tavullia, alle prese con un inizio di stagione non certamente semplice. A 42 anni di età però ha ancora la voglia di mettersi in discussione e provare a meritarsi il rinnovo di contratto con la Yamaha. Un’impresa non certo facile, servirebbe una svolta decisa, le speranze vengono riposte negli aggiornamenti testati a Jerez all’indomani della gara.

Futuro da pilota e da manager

Non c’è tempo per riflettere, ma è abbastanza per apportare le ultime modifiche sulla sua YZR-M1 factory e tentare l’avvicinamento al podio. “Dalla mia parte, stiamo facendo un buon lavoro con David, Matteo e Idalio“, ha detto Valentino Rossi dopo l’ultimo round MotoGP. “Stiamo lavorando su diversi aspetti. C’è ancora molto da fare, ma stiamo migliorando“. Servono i risultati, non le parole o i buoni propositi. E il Mugello è l’occasione migliore da qui alla pausa estiva, quando il veterano prenderà una decisione. “A Jerez ho guidato in modo leggermente migliore durante i test del lunedì. Ho migliorato il mio ritmo, la caccia al tempo e il posizionamento. L’abbiamo confermato a Le Mans, sono entrato nella top 10 nelle sessioni di prove quindi in Q2. Quindi ho fatto un passo avanti rispetto alle prime gare. Ma speriamo di fare di più. Speriamo di poter lottare per piazzamenti ancora migliori“.

Ma il Mugello sarà un’altra buona occasione per decidere anche le sorti del team Aramco VR46. Le ultime parole di Valentino Rossi al riguardo preannunciavano un esito al 50% con Ducati e al 50% con Yamaha. Se Borgo Panigale sembra la favorita, la casa di Iwata non è totalmente da escludere. I tempi stringono e quantomeno dietro le quinte verrà presa una decisione finale, in attesa degli annunci in Catalunya. La Toscana sarà crocevia di scelte importanti per il Dottore e i suoi progetti. Non resta che mettersi comodi davanti alla TV e attendere il corso degli eventi…

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Jorge Lorenzo

MotoGP, Jorge Lorenzo sonda il paddock: “Vorrei lavorare qui”

MotoGP, LCR Honda Team 2021

MotoGP, LCR Honda: a fine stagione si ritira il direttore sportivo

MotoGP, Max Biaggi

MotoGP, Max Biaggi: “Nessun confronto tra Bastianini e Marini”