MotoGP, Valentino Rossi

MotoGP, Valentino Rossi: “Marquez più veloce con la Honda 2019”

Valentino Rossi non brilla nell'ultima giornata di test MotoGP a Losail. Problemi con l'usura al posteriore della M1. E non manca un riferimento a Marquez.

25 febbraio 2020 - 12:21

Valentino Rossi è la “pecora nera” Yamaha. Il 41enne non riesce a seguire le buone prestazioni di Vinales, Quartararo e Morbidelli e deve appollaiarsi fuori dalla top ten con oltre 4 decimi di ritardo. Se il Dottore attendeva una prima conferma da questo test invernale, di certo le sensazioni non sono delle migliori. Il vecchio spettro dell’usura al posteriore è tornato, unico fra i piloti di Iwata. A dimostrazione che sarà necessario cambiare ancora qualcosa nel suo stile di guida. Stavolta non ci sono alibi o altre ipotesi.

Ha completato dieci giri consecutivi per capire che il grip al posteriore ancora latita. “Abbiamo raccolto alcuni dati e dobbiamo cercare di capire i motivi e risolverli prima della gara“, ha commentato Valentino Rossi. “Ho provato a fare diversi giri di fila, ma ho avuto problemi con le gomme molto simili a quelli dello scorso anno. Dopo diversi giri, purtroppo, devo rallentare, non è una buona notizia e non mi lascia in pace. Nella seconda parte della gara, sono in crisi con le gomme , il mio ritmo non è molto veloce, non sappiamo esattamente cosa succede“.

VALE E L’ANALISI DEI TEST INVERNALI

Dai dati della telemetria lo staff VR46 non riesce a risalire alla causa dei problemi. Se a Sepang il problema sembrava risolto, a Losail è ritornato a galla, lasciando presagire i consueti alti e bassi della stagione MotoGP 2019. “Maverick, Fabio e Franco sono simili a me nel giro veloce, ma poi riescono ad essere più costanti. Per tre volte ho fatto 10 giri di fila, bisogna analizzare le informazioni. Mi sento bene con la M1. Sono abbastanza veloce nei primi giri, ma non abbastanza per ambire alla vittoria“. Lascia qualche speranza il fatto che i tempi sono tutti ravvicinati. David Munoz & Co. dovranno trovare una soluzione per limare un paio di decimi si può ambire al podio. “È incredibile, oggi eravamo 15 piloti in forse mezzo secondo, sembra la Moto2 – ha sottolineato Valentino Rossi –. Per il Mondiale e per i fan che seguono le gare va più che bene“.

Nel corso dell’ultimo test MotoGP è rimbalzata nel paddock il momento di defaillance della Honda. Marc Marquez nel day-3 è saltato sulla moto dell’anno scorso, facendo sgranare gli occhi ai diretti avversari. “In questi test invernali, Viñales, Quartararo e Rins sono stati i più veloci, penso che siano i più in forma. Marc era veloce oggi (lunedì, ndr). Normalmente, se nell’ultimo giorno della preseason ritorni alla moto dell’anno prima significa che è migliore di quella attuale“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Valentino Rossi al Ranch

MotoGP, papà Graziano: “Valentino Rossi vuole chiudere vincendo”

MotoGP, Diego Gubellini e Fabio Quartararo

MotoGP, Diego Gubellini: “Il calendario non avvantaggia Fabio Quartararo”

MotoGP, Razlan Razali

MotoGP: Petronas frena sull’accordo con Valentino Rossi, ma la firma c’è