MotoGP, Valentino Rossi GP Styria

MotoGP, Valentino Rossi: “Marc Marquez aggressivo, non so che dire…”

Valentino Rossi parla di sicurezza dopo il primo round MotoGP in Austria, del layout e dell'aggressività di Marc Marquez. Nel futuro del Dottore le GT3.

10 agosto 2021 - 9:11

Valentino Rossi non riesce a centrare la top-10 nel primo round MotoGP austriaco. Un altro week-end difficile per il 42enne del team Petronas SRT, intenzionato a chiudere al meglio la sua leggendaria carriera, ma con un occhio anche al suo futuro automobilistico. Ha già maturato esperienza con le vetture GT3 al volante di una Ferrari 488 GT3 del team Kessel e partecipando alla 12 Ore del Golfo. “Questa è una classe importante e molto interessante e voglio correre con questo tipo di auto“. Resta da capire in quale categoria. E intanto il DTM gli apre le porte…

La questione sicurezza

L’ultimo Gran Premio ha fatto molto discutere in termini di sicurezza. Marc Marquez ha toccato due volte Aleix Espargarò, ma i commissari hanno sorvolato su entrambi gli episodi. Non è la prima volta che il campione della Honda fa discutere per il suo stile di guida al limite, anche nei confronti degli avversari. “L’unica cosa che posso dire è che Marquez è molto aggressivo con tutti i suoi rivali – ha osservato Valentino Rossi -. Oggi era Aleix, altre volte altri piloti. Sinceramente non so cosa dire. Non ho idea di come si possa migliorare questa situazione“. Il pilota Aprilia ha lanciato un grido nel vuoto chiedendo un intervento deciso al FIM Panel, ma nessuna spiegazione…

Nei discorsi post gara di Valentino Rossi anche il tema della sicurezza. L’incidente fra Dani Pedrosa e Lorenzo Savadori poteva avere risvolti tragici. Stavolta tutto si è risolto al meglio, con il pilota italiano costretto ad un piccolo intervento. Ma il Red Bull Ring ha causato qualche pensiero di troppo anche nella passata stagione MotoGP. “Il problema è che su questo circuito ci sono tre o quattro staccate selvagge e quando ci sono diventano pericolose, anche perché stressano molto i freni. Senza dubbio, il punto peggiore è la curva 3, ma cosa possiamo fare? Tornare al vecchio layout? Sarebbe bello, ma anche più pericoloso perché non ci sarebbero vie di fuga. Ma ciò che è veramente pericoloso di questo circuito è l’uscita della curva 1 e della 3, perché sono uscite con cambi di pendenza. E se succede qualcosa lì, non riesci a vedere“.

Il Dottore al vaglio dell’elettronica

In Styria il Dottore ha racimolato tre punti in classifica, diventa difficile instaurare un buon feeling con questa Yamaha M1. Per chiudere al meglio questa stagione occorre migliorare qualifiche e fasi iniziali di gara. “Purtroppo ho perso alcune posizioni al via, ma sono riuscito a guidare decentemente. Ho avuto delle belle battaglie con diversi piloti con lo stesso ritmo, ho fatto punti, quindi è andata bene, perché alla fine questa è una pista che non sta andando bene per la Yamaha. Qui servono molta accelerazione e velocità di punta, virtù che mancano alla M1“. Insieme alla squadra stanno lavorando molto sull’elettronica. “Al Sachsenring e Assen abbiamo adottato un sistema di partenza diverso. Non era adatto a me e non mi sentivo a mio agio. Per questa gara siamo migliorati, è una questione di elettronica, ma non siamo ancora al 100%“.

Per i tuoi massaggi Thai

4 commenti

FRA 1988
11:00, 10 agosto 2021

Stoner e Pedrosa i più corretti ma il signor Rossi ha anche lui scheletri nell’armadio. Dopo la spallata e il taglio a Laguna(2008),la bagarre forsennata con Lorenzo( Motegi 2010), tutto è rimasto lecito e Marquez ha semplicemente sfruttato l’incapacità di Dorna nel dare sanzioni. Oggi ci troviamo con i commissari che danno long lap penalty per una linea percorsa e non per guida oltre il limite. F1 su questo lato di un altro livello e impeccabile.

    Manfer
    20:33, 10 agosto 2021

    Mah…. Rossi in certe situazioni
    (Si contano sulle dita) avrà anche un po’
    Esagerato.
    Però markuez e un’altro livello
    Con lui è una costante….
    E non è una bella cosa anche perché
    Con la superiorità che aveva
    Non c’era bisogno ……..

    corsedimot_15035767
    16:55, 10 agosto 2021

    Dorna? Hmmm… forse il problema sta nei ruoli, non ben chiariti e men che meno rispettai! Ritengo che Dorna dovrebbe curare la parte economica, sponsors, ecc. mentre il rispetto dei regolamenti (e la loro stesura) spetta alla FIM, cosi’ come la parte medica e sicurezza. Diversamente, troppi interessi alterano giudizi e decisioni.

    trediciport_13696908
    11:31, 10 agosto 2021

    E’ uno sport duro, è uno sport dove rischi la vita, era un gran bello sport ma, oggi è pieno di lamentosi che si piangono addosso. Rossi ne ha tanti di scheletri, molti di piu di quelli già citati ma, all’epoca andava tutto bene e se gli altri si lamentavano era il primo a dire che faceva parte di questo sport ed è così. Lui è vecchio a 40 anni non fai le stronzate che fai a 20 e ti lamenti. Gli altri sono piloti che vorrebbero ma non possono e quindi l’unica cosa che gli rimane e la lamentela.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Valentino Rossi a Misano

MotoGP, Valentino Rossi: “Gomme Michelin? Serve più coerenza”

enea bastianini motogp

MotoGP, Enea Bastianini: “Michele Pirro riferimento nelle prime libere”

motogp misano 2021

MotoGP Misano: dal ritorno di Morbidelli al “vero momento” di Márquez