MotoGP, Valentino Rossi

MotoGP: Valentino Rossi, Franco Morbidelli e lo scherzo del destino

Valentino Rossi chiuderà la sua carriera in MotoGP al fianco di Franco Morbidelli. Uno "scherzo" del destino che il Dottore non avrebbe mai immaginato.

16 luglio 2020 - 23:04

La firma sul contratto ormai è solo una formalità per Valentino Rossi. Contro il suo volere ha deciso di proseguire anche nella stagione MotoGP 2021 senza neppure correre una gara. Per arrivare all’ufficialità bisognerà attendere anche le scelte di Fabio Quartararo. “Non so quando si deciderà ma non c’è tanta fretta. Il grosso l’abbiamo già fissato. Bisognerà capire cosa farà Fabio Quartararo, mi piacerebbe portare tutti dei miei ma non è possibile, non vogliono fare troppi scambi tra un team e l’altro. Per me – ha detto a Sky Sport MotoGP – l’importante è proseguire“.

Certa la sua presenza nel 2021, sul 2022 deciderà a metà del prossimo anno. Saranno i risultati a dare l’ultima sentenza, Petronas sembra pronto ad accoglierlo almeno fino a 43 anni. Valentino Rossi chiuderà la carriera con un compagno di box, Franco Morbidelli, che mai avrebbe immaginato nella sua vita. Un bello scherzo del destino. Con il giovane italobrasiliano c’è un amicizia ultradecennale, che risale ai tempi della Cava, ancora prima della nascita del Ranch di Tavullia. “Il destino è incredibile, non mi sarei mai aspettato di andare a correre come compagno di squadra di Franco. Sono molto contento di essere suo compagno di squadra, perché è una persona che stimo, mi diverto sempre quando stiamo insieme. E’ soprattutto una persona che stimo, ma anche un grande pilota fortissimo, sarà una bella battaglia, questo è bello e non vedo l’ora“.

A favore di Valentino Rossi c’è lo stesso Fabio Quartararo che spera di averlo in MotoGP il più a lungo possibile. “Per me se Valentino Rossi continua fino a 55 anni è ancora bello. Guidare con il tuo idolo è sempre molto speciale. Sono felice per lui e per il team“. Al suo fianco anche Carmelo Ezpeleta, certo che in un team satellite come Petronas SRT cambierà poco o nulla per il Dottore. “L’anno scorso Quartararo è stato il più vicino a Marquez. Sicuramente la M1 di Valentino sarà una moto di livello ottimale. Valentino non rimarrà ad ogni costo. Se rimane è perché crede di poter continuare a vincere o essere davanti, altrimenti non rimarrebbe“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

quartararo motogp aragon

MotoGP, la tecnica: cos’è successo davvero a Quartararo ad Aragón?

alex rins motogp

MotoGP, Teruel: Alex Rins morale alle stelle. “Mi piacerebbe ripetermi…”

MotoGP, Andrea Dovizioso

MotoGP, Andrea Dovizioso: “Non siamo lontani dal nostro obiettivo”