MotoGP, Valentino Rossi GP Styria

MotoGP, Valentino Rossi: “Dani Pedrosa era più veloce di me”

Valentino Rossi 13° nella gara MotoGP in Styria. L'ex rivale e collaudatore KTM Dani Pedrosa gli finisce davanti dopo tre stagioni lontano dal Mondiale.

9 agosto 2021 - 9:07

Valentino Rossi chiude il GP della Styria al 13° posto e con un gap di 26,2″ dal vincitore. La ripartenza dopo la bandiera rossa l’ha costretto a scivolare nelle posizioni di fondo, riuscendo però a superare avversari come Danilo Petrucci e Pol Espargarò. Ma per il Dottore continua il momento opaco in questa stagione MotoGP che proprio non vuole saperne di decollare. Dopo l’annuncio dell’addio in conferenza stampa c’è meno pressione sul suo box. “Alla fine la gara non è stata un disastro, ho preso dei punti e ho tagliato il traguardo. Purtroppo all’inizio ho perso diverse posizioni nei primi giri, poi ho ritrovato un buon ritmo e una discreta velocità. Bisogna pensare che questa pista non è la migliore per la Yamaha“.

Top-10 prossimo obiettivo

Velocità e accelerazione sono ancora dei punti deboli per le M1, la partenza un aspetto che andrebbe migliorato. In Germania ha esordito l’holeshot anteriore per le partenze, con cui Valentino Rossi ancora non ha familiarizzato. “Per usarlo bisogna cambiare la configurazione dell’elettronica e non mi sento a mio agio. L’altro problema è che all’inizio della gara sono tutti molto aggressivi e, visto che la Yamaha non è molto veloce in rettilineo, quando vai in gruppo è molto facile perdere posizioni“. Tra pochi giorni il campionato MotoGP replica sul tracciato austriaco, sarà l’occasione buona per trovare soluzioni, senza però attendersi miracoli. “Penso che entrare nella top 10 sia il mio potere se sono realistico“.

Il tema della sicurezza ha tenuto banco al Red Bull Ring. Le immagini dell’incidente nelle fasi iniziali di gara hanno scosso il paddock della MotoGP. “L’incidente tra Pedrosa e Savadori sarebbe potuto accadere su qualsiasi altro circuito. Il problema è che qui abbiamo tre o quattro staccate bestiali. Il punto peggiore è la curva tre, ma cosa possiamo fare? Tornare alla pista precedente? Sarebbe bello, ma anche più pericoloso perché non ci sarebbero vie di fuga“. Infine una nota di merito all’ex rivale storico Dani Pedrosa, che ha chiuso in top-10 la sua uscita da wild card. “Era più veloce di me – ammette Valentino Rossi -, non è facile essere veloci dopo tre anni di assenza dalla MotoGP“.

2 commenti

trediciport_13696908
11:35, 10 agosto 2021

Ma va?? lo sospettavamo tutti. In realtà pensavamo che potesse fare ancora meglio ma, sul fatto che fosse piu veloce di tè non c’erano dubbi! Se per voi questa è una persona che ha dato tanto a questo sport, vi posso garantire che questa lunga ed inesorabile caduta sta togliendo tutto. Ora mai non si parla di sorpassi ma ci si lamenta solo di quello che ha frenato un po piu giu, quello mi ha toccato ma, io dico che cavolo di sport fate? E poi continua a parlare l’unico pilota che io abbia mai visto dare un calcio volontario ad un’altro per farlo cadere.

Max75BA
12:38, 9 agosto 2021

Speriamo che riesca a fare una bella gare entro la fine della sua carriera…ha 42 anni e li mostra tutti!!!

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Valentino Rossi a Misano

MotoGP, Valentino Rossi: “Gomme Michelin? Serve più coerenza”

enea bastianini motogp

MotoGP, Enea Bastianini: “Michele Pirro riferimento nelle prime libere”

motogp misano 2021

MotoGP Misano: dal ritorno di Morbidelli al “vero momento” di Márquez