MotoGP: Valentino Rossi Campione del Mondo 2009

Nono titolo mondiale grazie al terzo posto di Sepang

25 ottobre 2009 - 7:55

Probabilmente tutto per Valentino Rossi è cominciato, in materia di gag che poi hanno fatto scuola e storia, dal “Pollo Osvaldo”. Era il 1998, e 11 anni più tardi si ritrova con nove titoli mondiali in bacheca nel Motomondiale, 7 nella classe regina (6 nell’era MotoGP), uno ciascuno in 250 e 125. Costruendo questa leggenda, Valentino è tornato nei festeggiamenti per la conquista del mondiale 2009 a parlar di volatili. Il “Pollo”, quello che sbagliava nelle prime gare della stagione 1998 della 250cc, è diventato una “Gallina”. Vecchia, che non fa buon brodo, ma ancora uova. Qualcosa come 9 mondiali, 103 vittorie (77 in MotoGP, 14 in 250cc, 12 nella 125cc senza scordarci della 8 ore di Suzuka 2001), potendo battere quasi tutti i record possibili ed immaginabili.

Si è inventato di anno in anno, restando sempre lo stesso. Ha battuto gli avversari che si è trovato davanti fino ad incontrare, in questa stagione, la sfida inedita, quella con il compagno di squadra. Nei “Fantastici 4” di quest’ultimo biennio c’è solo Valentino che si è portato a casa titoli mondiali, legittimati dalla forza degli avversari (che sono lì) per i campionati più difficili della propria carriera.

Questa gara è stata sofferta come questo mondiale“, ha detto Valentino Rossi nel parco chiuso dopo il terzo posto di Sepang. “Difficile, con qualche errore, ma adesso sono nove titoli mondiali. Devo ringraziare tutto il team, i miei tifosi, la Yamaha, chi mi è stato vicino”.

Per finire, un avviso anche per il futuro. “E’ sempre un piacere correre e vincere con loro“, riferendosi alla Yamaha, ma anche a sè stesso. Quando sarà la prossima festa?

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

bendsneyder moto3 motogp

MotoGP: le beffe dell’ultimo giro, o addirittura degli ultimi metri

fausto gresini motogp

MotoGP: Fausto Gresini, sveglio e collaborativo. “Grande forza di volontà”

MotoGP, Danilo Petrucci

MotoGP, Pit Beirer: “Con Danilo Petrucci gestiremo meglio di Ducati”