MotoGP, Valentino Rossi

MotoGP, Valentino Rossi: calendario noioso e stress da test

Valentino Rossi poco entusiasta del calendario MotoGP 2020 e degli impegni nei test ufficiali e privati: "Bisogna stringere i denti".

3 ottobre 2020 - 21:01

Valentino Rossi non rientrava nelle strategie del team Petronas per la prossima stagione MotoGP. Il team di Razlan Razali avrebbe preferito puntare su un giovane come Xavi Vierge, ma davanti alla pressione Yamaha e ad un nove volte campione del mondo ha dovuto fare dietrofront. Il podio del Dottore a Jerez ha convinto gli investitori e i vertici della squadra malese. “Non rientra nella loro strategia.  Ma Valentino Rossi è Valentino Rossi – ha ammesso Lin Jarvis -. Non è un pilota qualsiasi. Può portare molto di più alla squadra. Lo hanno capito subito“.

Un calendario “noioso” e stressante

La contropartita è un contratto annuale secco, con la promessa verbale di rivedersi a metà del prossimo campionato. Allora il campione di Tavullia avrà 42 anni, un’età che fa sentire il suo peso. Nella stagione MotoGP 2020 il calendario d’emergenza ha imposto turni stressanti, con gare ripetute sullo stesso circuito e trittici consecutivi che molto probabilmente si ripeteranno anche nel 2021. “Adesso abbiamo un po’ di esperienza con i doppi eventi e posso dire che non mi piacciono molto – ha ammesso Valentino Rossi -. Da un punto di vista psicologico, perché dopo una settimana in cui hai dato il massimo è piuttosto noioso tornare a correre lì“.

Test ufficiali e privati

Il calendario MotoGP dettato dal Coronavirus non entusiasma e il divertimento è un ingrediente saliente per il pesarese. “Tra i due GP di Misano abbiamo fatto anche un test martedì, non è stata un’idea particolarmente geniale“. Nonostante tutto il veterano della Yamaha stringe i denti e ha deciso che parteciperà anche al test di Portimao con moto stradali il prossimo mercoledì. Poi sarà la volta di Le Mans e ancora in Portogallo insieme ai ragazzi dell’Academy. “Ora abbiamo solo triple fino alla fine, quindi dovremo stringere i denti… Meglio così che niente – ha concluso Valentino Rossi -. Ma spero che torneremo presto a una situazione normale“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

kelso ortola ogden whatley moto3

Moto3: Kelso, Ortolá, Ogden e Whatley, ecco i primi rookie ufficiali

MotoGP, Andrea Dovizioso con la Yamaha M1

MotoGP, Dovizioso: Quartararo maestro di stile, ma lo stop pesa tanto

MotoGP, Valentino Rossi

Valentino Rossi: mani in pasta sul Mondiale, resta il rebus Aramco