MotoGP, Valentino Rossi

MotoGP, Valentino Rossi: “Bella vita, ma sei sempre sotto pressione”

Valentino Rossi proseguirà in MotoGP fino a 42 anni. I segreti del successo? La passione e suo papà Graziano: "In moto già a due anni".

29 settembre 2020 - 21:36

A Barcellona, nonostante la delusione della caduta, Valentino Rossi ha fatto storia. All’età di 41 anni ha firmato un nuovo contratto con uno dei team MotoGP più in voga del momento: Yamaha Petronas SRT. Proseguirà la sua carriera fino a 42 anni, con la possibilità di proseguire fino a 43.  Diventa così un nuovo modello da seguire per tanti piloti che potrebbero prenderlo a modello.  “Forse la prossima generazione di piloti può imparare qualcosa da questo. Molti sono significativamente più giovani di me quando smettono. Forse nel nostro sport proseguiranno fino a quando sarai un po’ più grande“.

Una passione ereditata dal papà

Merito della sua grande passione ereditata da papà Graziano, in pista e fuori, nel saper investire sul suo stesso lavoro. “Mi è sempre piaciuto questo stile di vita. Ho sviluppato una passione per le moto all’età di due anni – racconta Valentino Rossi -. Questa passione è ininterrotta. Questo fa la differenza. Ma ovviamente è importante essere veloci e lottare per le posizioni importanti“. Da questo dipenderà l’eventuale prossimo rinnovo che si discuterà non prima dell’estate 2021.

Poi ci sarà tempo per altri progetti prestigiosi, a cominciare da un team VR46 in MotoGP. E la passione per le auto, anche questa tramandatagli dal padre. “Mi ha messo in moto molto presto. Ora è abbastanza normale, ma allora sono stato uno dei primi a partire così presto. È molto importante arrivare in cima – prosegue Valentino Rossi -. Graziano si è divertito molto quando sono salito sulla moto, voleva vedere se ero un disastro e quanto rischio“.

Cresciuto in un habitat motoristico, il resto l’ha fatto il suo geniale Dna a suon’ di gare, risultati e anche un pizzico di buona sorte che non guasta mai. Fino a diventare leggenda. “Hai una bella vita, ma sei anche molto sotto pressione. Soprattutto ora devi essere un vero atleta in MotoGP. Devi allenarti ogni giorno e avere un certo stile di vita. Non è facile – conclude il campione di Tavullia come riporta Motorsport-Total.com -. Questa sensazione di felicità è il mio segreto. Se perdi quella sensazione, sarà tutto molto difficile“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Franco Morbidelli e Valentino Rossi

MotoGP, Franco Morbidelli: “Valentino Rossi ed io stiamo bene insieme”

motogp

MotoGP, l’analisi: chi è migliorato e chi no tra Aragón e Teruel?

alex marquez motogp

MotoGP, Emilio Alzamora: “Alex Márquez ci sta sorprendendo”