MotoGP, Valentino Rossi con la M1 2021

MotoGP, Valentino Rossi a tutto gas: aggiornamenti da Petronas-Yamaha

Valentino Rossi e Yamaha-Petronas vogliono onorare la seconda parte di stagione MotoGP 2021. Dopo l'acceleratore elettronico arriverà una nuova benzina.

31 luglio 2021 - 8:56

Oltre ogni decisione finale Valentino Rossi e Petronas proveranno a chiudere questa stagione MotoGP nel migliore dei modi. A breve l’annuncio della separazione a campionato concluso, probabilmente a ridosso del Gran Premio d’Austria. E forse dell’addio del campione di Tavullia al Motomondiale dopo una gloriosa carriera ultraventennale. Ma poi ci sarà un’altra metà stagione da dover onorare e sia Petronas SRT che il Dottore hanno intenzione di chiudere nel migliore dei modi.

L’acceleratore elettronico per la M1

In termini di risultati, la stagione MotoGP 2021 è stata finora deludente sia per la squadra che per il nove volte iridato, che ha ottenuto un sola posizione tra i primi dieci nelle prime nove gare. Nonostante il momento buio, Petronas-Yamaha sta lavorando intensamente alle innovazioni tecniche da apportare alla YZR-M1 e alcune hanno di recente esordito sulla moto di Valentino Rossi. A cominciare da un acceleratore elettronico impiegato per la prima volta nel week-end al Sachsenring dopo averlo testato in Catalunya nel lunedì post gara. “L’obiettivo è avere lo stesso feeling dell’altra manetta e devo dire che la mia sensazione in effetti è esattamente la stessa“. Nessun miglioramento sostanziale, ma una limatura di dettagli che potrebbe rappresentare un passo in avanti generale. Il motivo del cambiamento è ignoto anche al 42enne pesarese: “Ad essere sincero, non lo so proprio. Sospetto che abbia qualcosa a che fare con una riduzione di peso. Il feeling, in in ogni caso, è uguale all’altro“.

Carburante prossimo step

In vista delle prossime gare Petronas SRT è al lavoro anche su un’altra novità: la benzina. Un settore su cui ha lavorato anche KTM alla vigilia del GP del Mugello. ETS Racing Fuels è il fornitore di Mattighofen e avrebbe garantito alle RC16 una benzina che elargisce 8 cavalli in più al V4 austriaco. Nella MotoGP odierna si tratta di valori incredibili, tra il 2% e il 3% di guadagno. La squadra malese conta sulla collaborazione con Mercedes in F.1, di cui condivide il main sponsor, e quindi si attendono sensibili sviluppi in tal senso.

Basterà per compiere un ulteriore step? “So che Petronas sta lavorando molto intensamente in questo settore. Hanno un enorme know-how, anche dalla Formula 1“, ha sottolineato Franco Morbidelli prima dell’infortunio. “Ma non so rivelare alcun dettaglio sulle specifiche. Posso solo dire che attualmente non stiamo usando il [nuovo] carburante. Ma so che stanno facendo grandi sforzi in tal senso“.

Per i tuoi massaggi Thai

1 commento

FRA 1988
11:51, 31 luglio 2021

Da quando esiste la top class non c’era mai stato un campionato anomalo come il 2020. Petronas non ha fatto altro che credere di essere meglio del team factory ma non è così. Meregalli e Jarvis non sono dei pivelli e hanno costruito attorno a Quartararo la miglior struttura possibile e la fiducia di cui aveva bisogno. Pensare che Petronas potesse stare ancora davanti ai factory era pura illusione.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

stefano nepa moto3

Moto3 UFFICIALE C’è Stefano Nepa per il Team MTA nel 2022

Ducati, Superbike

Ducati, è un sabato da impazzire: doppietta MotoGP e tripletta Superbike

jordi torres motoe

MotoE Misano: Torres vince un pazza Gara1, out Zaccone e Granado