MotoGP, Fabio Quartararo

MotoGP, un tatuaggio speciale per Fabio Quartararo

Fabio Quartararo ha voluto eternizzare la sua prima vittoria in MotoGP con un tatuaggio speciale. Nove ore di lavoro per disegnare il successo di Jerez.

23 dicembre 2020 - 23:01

Tre vittorie non sono bastate per ambire al titolo MotoGP. Fabio Quartararo era partito con due vittorie ed era stato subito additato come l’anti Marquez, ma è inciampato sotto i colpi della mancanza di grip al posteriore. Veloce sul giro secco, tanto da guadagnare la qualifica di miglior poleman del 2020, in gara non è stato costante come Joan Mir. Al neocampione del mondo è bastata una sola vittoria e una buona dose di costanza per ergersi in vetta alla classifica.

Nonostante il terzo successo in Catalunya, il francese del team Petronas ha chiuso all’ottavo posto. Un risultato deludente se si considera che fino a Misano era il leadership della classe MotoGP. Resta comunque la gioia della sua prima vittoria in classe regina dopo i sette podi incassati nel 2019. Chiuso il ciclo Petronas dal 2021 sarà pilota del team Yamaha factory, invertendo le posizioni con il veterano Valentino Rossi. Anche se stavolta ha preso paga dal compagno di box Franco Morbidelli, che ha lottato con una M1 spec-A e sfiorato quasi il colpaccio iridato.

Per le feste di Natale Fabio Quartararo si è voluto fare un regalo davvero speciale. Sul braccio sinistro si è tatuato se stesso, nel momento di gioia per la sua prima vittoria a Jerez. Si è messo nelle mani del tatuatore professionista Ivan Morant che, dopo nove ore di lavoro, ha realizzato un capolavoro. Il disegno è accompagnato dalla data di quel giorno, 19/07/2020. E il 21enne di Nizza ha voluto condividere questo momento sui social con tutti i suoi fan.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Andrea Dovizioso

MotoGP, Andrea Dovizioso: “C’è chi va in pensione e chi è troppo vecchio”

MotoGP, la storia: Jarama, sede del GP di Spagna e non solo

Tatsuki Suzuki Moto3

ESCLUSIVA Tatsuki Suzuki: “Superpole in Moto3? Solo se…” (Parte 1)