MotoGP, Marc Marquez a Portimao

MotoGP, ufficiale: Marc Marquez ritornerà a Portimao

Marc Marquez ritornerà sulle piste della MotoGP a Portimao. Dopo 9 mesi di stop per l'infortunio all'omero destro il campione della Honda è pronto al rientro.

10 aprile 2021 - 9:09

Marc Marquez ritornerà sulle piste della MotoGP nel prossimo week-end a Portimao. Prima della data prefissata al 12 aprile, si è recato all’Hospital Ruber Internacional di Madrid dove ha ricevuto l’ok dei medici. “Oggi mi hanno visitato i medici e hanno dato il via libera per tornare a gareggiare. Sono stati 9 mesi difficili, con momenti di incertezza e alti e bassi, e ora, finalmente, potrò godere di nuovo della mia passione! Ci vediamo la prossima settimana a Portimao!“. Era nell’aria il rientro dell’otto volte campione iridato. Il primo segnale era nel test svolto qualche settimana fa in Portogallo in sella alla RC213V-S. Un modo per tastare con polso la sua condizione fisica e per familiarizzare con le curve del tracciato inserito per la prima volta in calendario nel 2020.

Adesso il paddock e la galassia dei tifosi MotoGP sono in fermento per capire se saprà essere da subito competitivo. I dottori non hanno voluto correre rischi prima di concedere il nullaosta al Cabroncito. Il callo osseo si è regolarmente consolidato, ma impossibile prevedere cosa possa accadere in caso di nuovo infortunio. Vedremo quindi un Marc Marquez più cauto almeno nella prima gara? Non resta che attendere le prove libere di venerdì prossimo, quando finalmente ritroverà la sua amata RC213V che nel frattempo è cambiata (motore a parte).

Nel corso della stagione 2020 Stefan Bradl ha portato un lavoro di affinamento sulla moto dell’Ala dorata, per renderla più accessibile ai colleghi di marca. Il collaudatore tedesco ha lavorato a stretto contatto con Santi Hernandenz, capotecnico di Marc, e del suo staff tecnico. Di certo le prime uscite serviranno per familiarizzare con il prototipo 2021, ma saprà certamente bruciare tutte le tappe. Una buona notizia per Alberto Puig e Repsol Honda che, dal giorno del suo infortunio a Jerez, ha faticato non poco ad avvicinarsi al podio. Lo show della MotoGP ritrova finalmente il suo attore principale.

Un incubo durato 9 mesi

Era il 19 luglio quando Marc Marquez si è infortunato al Gran Premio di Spagna. Prima caduta senza conseguenze dopo pochi giri, senza conseguenze, tant’è che il campione di Cervera si è subito rimesso in sella per una intrepida rimonta. Ritornato ad affacciarsi in zona podio, alla curva 3 si è schiantato al suolo ad oltre 150 km/h fratturandosi l’omero. Operato subito a Barcellona dal dott. Xavier Mir, dopo pochi giorni i medici gli hanno permesso di tornare alle competizioni. Ha provato a compiere alcuni giri nel sabato successivo di prove libere, prima di dare forfait.

L’intenzione era quella di aspettare il GP di Brno ma, aprendo una delle finestre di casa, il 3 agosto si è rotta la placca inserita nel braccio destro. Da qui l’urgenza di un secondo intervento che non ha sortito gli effetti sperati e la decisione di cambiare equipe medica. Terzo intervento a Madrid, dove viene diagnosticata un’infezione che ha complicato la guarigione. A distanza di quattro mesi l’incubo è finito e Marc potrà finalmente riprendere la corsa al nono titolo iridato. Da un mese ha intensificato gli allenamenti in palestra e sulla moto. Adesso manca solo il ‘fit’ dei medici del circuito portoghese e di Angel Charte.

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

1 commento

Makiland
12:27, 10 aprile 2021

Caro MM non mi ha fatto certo piacere che tu non corressi per infortunio, vincere senza di te è come arrivare secondo.
Mi permetto però di dubitare e anche molto sul tuo stato di forma, ma tu sei IL fenomeno per eccellenza e credo che, almeno un poco, ci stupirai. Ti auguro di restare in salute e di non esagerare, solo così potrai tornare al tuo abituale livello di prestazioni. Buona fortuna.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Paolo Ciabatti e Jack Miller

MotoGP, Ducati: al Mugello è tempo di annunci. VR46 resta un’incognita

filip salac moto3

Moto3: Filip Salac, finalmente il podio! “Momento atteso per anni”

Oliveira KTM MotoGP

MotoGP, Miguel Oliveira: “I risultati non rispecchiano il nostro potenziale”